Capri premia la Cavani e ricorda Patroni Griffi

0
413

Da Il Mattino – C’ è la retrospettiva dedicata a Liliana Cavani, un documentario per ricordare Alberto Moravia in occasione del centenario della nascita dello scrittore, l’ incontro con Francesco Patierno, gli omaggi a Peppino Patroni Griffi e a Gian Luigi Rondi. Cinema e letteratura per la quarta edizione di «Capri, schermi d’ arte», in scena da stasera a sabato nella cornice di Villa San Michele. Organizzata dalla Fondazione Axel Munthe diretta da Allan Klynne, patrocinata da Rai Teche, l’ Istituto Luce Cinecittà, l’ Ambasciata di Svezia e curata da Paolo Spirito con la collaborazione di Ciro D’ Aniello, la rassegna celebra un’ autrice scomoda, che non si è mai piegata agli interventi della censura e non ha mai rinunciato alla verità. Oltre alla regista originaria di Carpi, cui è dedicata una retrospettiva dei suoi film più significativi, saranno al centro della kermesse Italo Moscati, Giuseppe Patroni Griffi junior, Giorgio Treves, Francesco Patierno, Antonio Castaldo, Silvana Palumbieri e Fausta Cenci.
«Liliana Cavani sarà la protagonista principale della nostra rassegna, una regista che con film come Portiere di notte, La pelle, Francesco, solo per citare i più celebri, ha onorato nel mondo il cinema italiano d’ impegno; un’ intellettuale lucidissima, che ha sempre espresso la propria carica polemica e non ha mai temuto le interpellanze parlamentari commenta Paolo Spirito – A lei, che dopo 40 anni di immenso cinema, ha anche debuttato nel 2016 come regista teatrale di Filumena Marturano al Festival dei due Mondi di Spoleto, va il Premio Axel Munthe alla Carriera 2017. E La pelle, film sulle aberrazioni post belliche a Napoli, sarà proiettato, non a caso, nella stessa giornata di Napoli’ 44 di Patierno, altro ritratto spiazzante e commovente di una città unica, piegata e umiliata da fame e miseria durante i tragici eventi della seconda guerra mondiale. Come consuetudine è presente nel programma un tributo, che stavolta dedichiamo a un grandissimo intellettuale, regista, drammaturgo e scrittore napoletano, Giuseppe Patroni Griffi, di cui riproporremo il suo primo film Il Mare, ambientato a Capri, e Metti una sera a cena con Peppino, il documentario sulla vita personale e artistica firmato da Antonio Castaldo e da Giuseppe Patroni Griffi junior, l’ omonimo pronipote dell’ autore napoletano, che ha collaborato alla sceneggiatura».
Si comincia oggi alle 18 con la sezione legata alle arti figurative e una retrospettiva per Carlo Perindani, «maestro del mare e della luce di Capri», curata dalla nipote Fausta Cenci. Si continua alle 19 con il documentario «Moravia visto da se stesso» diretto da Silvana Palumbieri, una biografia mai scritta di frammenti interpretati da Mariano Rigillo, dove la narrazione viene scandita dal susseguirsi dei suoi romanzi più famosi. Alle ore 21,30 Italo Moscati presenterà «Il portiere di notte», film del 1974 firmato dalla Cavani. Domani, prima il docu-film «Napoli’ 44» di Francesco Patierno quindi «La pelle», film del 1981 firmato dalla regista emiliana, tratto dal libro di Curzio Malaparte con Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale e Burt Lancaster.
Venerdì 25 il descritto tributo a Peppino Patroni Griffi di Antonio Castaldo e Patroni Griffi jr, sabato 26 l’ omaggio a Gian Luigi Rondi con il film «60 Ieri, Oggi, Domani», (di Giorgio Treves), i cui 60 anni di cinema, non solo come presidente del premio David di Donatello, vengono raccontati attraverso immagini di repertorio delle star di ieri e di oggi. Alle ore 21,30 serata di gala in onore di Liliana Cavani con il Premio Axel Munthe 2017 alla carriera, e a chiudere la proiezione di «Francesco» con Mickey Rourke.