Poesia: “A Settembrata” (1940) di Raffaela Celentano

0
570

RafaelaCelentano

A Settembrata” (1940)

di Raffaela Celentano

mamma di Pamela Viva

Cchesta sì ch’ è ‘na surpresa

Che ci à fatto ‘stu paese

E che tutte hanno cchiammate

Settembrata Anacaprese”.

E’ ‘na cosa assaje antica:

è inutile c’ ‘o ddico,

se ricordano l’anziane

d’ ‘o guaglione e d’ ‘a pacchiana!

Se vestevane e’ balcune

cull’arance e c’ ‘o i limune,

culli frasche d’ ‘e murtelle,

culli frutte d’ ‘a stagione.

E, appiso a’ pagljarella

po’ ce steva l’uva bella:

chella janca, chella nera,

chella fatta e curneciello;

e po’, dint’a ‘na cajola

ce cantava n’auciello.

Po’ ce steva ‘na sfilata

co e carrette po’ addubbate

chjne ‘e frutte sapurite

c’ ‘o mellone russe ‘o fuoco

n’copp’ ‘e tavule imbandite.

Sotto ‘e stanghe ‘e ‘nu traino

po’ ce steva o ciucciariello

e po’, ncopp’ ‘a carrettella

se vedeva ‘o fusto ‘e vino,

chello bbuono anacaprese

o’ cchiù meglio d’ ‘o paese

chello ’ncopp’ ‘e vite appise

ammature ggià ‘a dduje mise.

E’ fernuta sta jurnata

po’ ce steva l’abbuffata:

se facevano ‘a magnata

co’ cuniglio e cu l’assado;

tutta robba genuina

d’ ‘e pullastre d’ ‘o giardino

arracquate ‘a chill’ ‘o vin

chjne ‘o frische d’ ‘a cantina;

chesta è chella settembrata

che a tutti à ricurdate

balle, suono e allegria

che ricorda ‘e tiemp bell

d’ ‘o cursetto, d’ ‘a gunnella

c’ ‘o nu bello fazzuletto

dint’o nniro d’ ‘e capill;

chesta sì che è gente sana

che abballava ‘a tarantella

mmiez’a ‘ll ‘aja ‘e ‘na casella

c’ ‘o figliuolo e ‘a pacchiana.

Chesta è ‘a gente d’ ‘o paese

che è sincere, che è curtese.

E alluccammo tutto in coro:

Viva ‘a gente anacaprese!”