E’ scomparso Michele Ferraro, l’uomo delle rocce

0
1761
Michele Ferraro, decano dei rocciatori capresi. Capri 2015 Capripress

Michele Ferraro, decano dei rocciatori capresi. Capri 2015 Capripress

Ciao Michele! Vogliamo ricordarti così, mentre cammini felice nell’azzurro della prateria dell’infinito. Anna Maria con tutti i nipoti ed i ragazzi di Capri Press.
 —–
Da ilmattino.it
di Mariano Della Corte
Capri – Si è spento ad 84 anni uno degli ultimi rocciatori capresi, Michele Ferraro meglio conosciuto come Michele del tennis dove ha lavorato per oltre 50 anni coltivando però l’amore per la flora e la natura dell’isola. Michele era stato nel corso della sua esistenza l’unico isolano che riusciva ad arrampicarsi a mani nude sui faraglioni per prendere la famosa lucertola azzurra, sotto richiesta specifica di scienziati e studiosi italiani e stranieri.
Tra le sue tante abilità, legate alla flora e alla fauna locali, Michele era un esperto giardiniere, conosceva la flora spontanea dell’isola e tutti i suoi volatili, nel corso della sua vita ha seguito anche gli spostamenti e le abitudini del falco pellegrino che ancora nidifica in alcuni dirupi e grotte dell’isola. Scompare con Michele l’ultimo rappresentante di quel genius loci tutto caprese che viveva di un contatto diretto e unico con la natura del luogo. Hanno scritto e documentato di lui scrittori, giornalisti e fotografi sia italiani che stranieri, tra di essi il famoso ex direttore del Mattino Roberto Ciuni e il fotografo Luciano D’Alessandro. (ilmattino.it)