Finito il blocco dell’imbarcadero di Marina Piccola. Pronta una soluzione alternativa per le compagnie di trasporto turistico.

0
778

blocco marina piccolaAnna Maria Boniello – Capri. Al calar del sole hanno ripreso il largo le barche che da giovedì mattina avevano inscenato una manifestazione protrattasi per l’intera giornata e per tutta la notte, terminata ieri pomeriggio dopo la mediazione della Capitaneria di Porto e dopo un colloquio avuto tra il sindaco di Capri Gianni De Martino e il comandante di Circomare Dario Gerardi. I rappresentanti delle cooperative marittime di Massa Lubrense e di Amalfi, Marina Lobra, Sant’Antonio e Sant’Andrea, che protestavano a Marina Piccola contro il divieto di attracco imposto dal Comune all’imbarcadero dello scoglio delle sirene per le imbarcazioni adibite a traffico turistico che giungono dalla costiera e dalla penisola, alle 17.40 hanno rimosso il blocco. Lo stop alla protesta è stato deciso dai rappresentanti delle compagnie a seguito della comunicazione dell’individuazione di una possibile soluzione temporanea per l’attracco delle barche a Marina Grande. Una soluzione, questa prospettata dal comandante della Capitaneria di Porto di Capri Gerardi artefice di un’importante opera di mediazione tra le “parti”, che dovrà passare al vaglio dei tecnici che già domani mattina effettueranno un primo sopralluogo. La zona individuata è quella della testata del Pennello, il pontile all’interno delle aree portuali di Marina Grande, in concessione ad una società privata, la Porto Turistico spa, utilizzata per l’ormeggio dei tender e delle piccole imbarcazioni.“Siamo contenti – ha commentato il sindaco De Martino – di aver trovato una soluzione tampone che, mantenendo in piedi tutti i nostri atti amministrativi, ha sbloccato questa situazione, in linea con la nostra volontà di decongestionare gli approdi dell’isola. Domani ci saranno i controlli dei tecnici e poi dei rappresentanti delle compagnie per verificare se questa soluzione può essere il rimedio temporaneo, almeno in questi primi giorni d’estate, fino a quando non si troverà una sistemazione definitiva anche per l’intero porto commerciale”. Michele Giustiniani della cooperativa Marina Lobra ha dichiarato: “Per rispetto nei confronti di Capitaneria e Polizia, abbiamo voluto fare un ulteriore gesto di buona volontà interrompendo immediatamente la protesta. Adesso però bisogna perfezionare l’iniziativa. Come testimoniato dai permessi e dalla documentazione che abbiamo in nostro possesso, sono trent’anni che svolgiamo l’attività di trasporto turistico dalla costiera verso Capri. Chiediamo di continuare a farlo nel rispetto dalla legge. Lunedì saremo a Capri e verificheremo la fattibilità della soluzione prospettata”.