La prima donna guida la funicolare

0
226

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Monica Schettino passa alla storia. A guidare la funicolare di Capri, lo storico trenino rosso pompeiano che da più di un secolo trasporta turisti e isolani dal porto alla piazzetta salotto del mondo e viceversa, c’è lei, la prima donna a occuparsi della conduzione. Ventitreenne tra qualche mese, da poco più di due anni entrata a far parte della squadra del tradizionale e pluricentenario mezzo di trasporto caprese, ha ora inaugurato un nuovo incarico, condurre quel trenino che i turisti inseriscono nei loro itinerari vacanzieri come tappa obbligata delle cose tipiche capresi. «Complimenti!», «Sei eccezionale», «Brava …sei un mito», «Viva le donne». In pochi minuti via social sono arrivati plausi e incitamenti da parte di tutti, capresi e non, alla giovane Monica, ragazza benvoluta, sempre solare e disponibile, una persona che chiunque abbia avuto il piacere di conoscere può soltanto volerle bene. La giovane isolana, che ha frequentato il professionale per il commercio dell’Istituto Axel Munthe di Anacapri per poi accedere all’Università Federico II di Napoli al corso di laurea in scienze sociali coltiva anche una grande passione per il calcio giocato. Ma soprattutto è la classica persona perbene, seria e lavoratrice, come la sua famiglia. E da oggi è anche la prima donna nella storia della funicolare di Capri, dopo 115 anni, a posizionarsi al posto di comando, alla cloche di quel piccolo treno che in tre minuti trasporta i passeggeri in salita e discesa lungo la direttrice Marina Grande-Capri, ad azionare la chiusura delle porte, a dare o ricevere il via dall’altro mezzo che contemporaneamente parte dalla direzione opposta e ad effettuare quel piccolo grande viaggio tra il verde da un lato e l’azzurro del mare che si scorge dall’altro e che manda letteralmente in visibilio i passeggeri, soprattutto chi approda per la prima volta sull’isola, ma anche i tanti bambini capresi che come un gioco si affacciano da entrambi i lati della funicolare per capire se Monica o gli altri colleghi, nel tunnel che vede l’incontro tra la vettura che sale e quella che scende, il passaggio avverrà a destra o a sinistra, sul binario di scambio tra le due funicolari. «Dopo 115 anni una collega donna nel novero dei conduttori della funicolare di Capri. Auguri ed in bocca al lupo, Monica Schettino. E con la speranza che ve ne siano altre ancora», questo uno dei tanti messaggi di auguri da parte dei suoi colleghi. E poi anche l’auspicio da parte di altri capresi via social che Monica Schettino possa essere l’inizio di una nuova era, che porti oltre alla prima conduttrice di funicolare, anche una donna alla guida di carrelli elettrici o di autobus. «Grazie di cuore a tutti» ha detto Monica, pronta a svolgere il compito di conduttrice con la serietà e la bravura che la contraddistinguono e che da oggi la fanno entrare, simbolicamente, in una pagina dell’ideale libro della storia di Capri.