Istituto Axel Munthe, nessun assembramento, rientro distanziato (Photogallery)

0
465

Fonte: ANSA

(ANSA) – NAPOLI, 01 FEB – Ha riaperto questa mattina in sicurezza l’Istituto Axel Munthe, dell’isola di Capri, che raggruppa gli studenti di Capri ed Anacapri essendo l’unico istituto di scuole superiori dell’isola azzurra. Didattica in presenza al cinquanta per cento come prevede la normativa entrata in vigore da questa mattina e l’Istituto ha organizzato l’ingresso in due fasce orarie per evitare assembramenti, alle ore 8.30 per gli studenti del Professionale Alberghiero e dei servizi commerciali mentre alle ore 9.30 sono entrati gli studenti dei licei, classico e scientifico. Nessun disagio è stato registrato. Per organizzare al meglio e in sicurezza gli ingressi e le uscite degli studenti e dei docenti sono state potenziate le corse con accordo delle amministrazioni comunali di Capri e Anacapri e l’ATC, aumentando il numero degli autobus in servizio dell’ATC che gestisce il servizio di trasporto pubblico su gomma. La società ATC, su richiesta delle Amministrazioni ha potenziato il servizio sulle tratte Capri-Anacapri e Marina Grande – Anacapri, in entrambe le direzioni, negli orari in cui è previsto un maggiore flusso di utenti. Sia dal capolinea di Marina Grande che dal capolinea di Capri sono state implementate le partenze in corrispondenza con l’orario di ingresso degli studenti e dei docenti, molti dei quali pendolari, provenienti dalla terraferma. Per gli anacapresi, invece, arrivo direttamente a piedi a scuola, visto che la sede dell’Istituto è in via Pagliaro, a pochi passi dal centro storico del comune alto dell’isola azzurra. A dare il benvenuto (e il bentornato) è stata la Preside dell’Axel Munthe, Antonella Astarita, che ha ricordato a tutti “il rispetto delle regole e delle precauzioni dettate dal protocollo sanitario per un corretto andamento delle ore di lezione nelle aule e della fruizione dei locali dell’istituto augurandosi che si possa proseguire con la didattica in presenza tanto attesa dagli studenti capresi ed anacapresi”. (ANSA).

Photogallery di G. Rosato