Capri e Sorrento: «Aiuti e misure speciali, così si salva l’incoming»

0
73

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Sorrento e Capri zone a turismo prevalente e con ristori immediati. L’Atex Campania, l’associazione che riunisce le strutture extralberghiere e le imprese turistiche del territorio regionale chiede interventi straordinari e celeri per evitare il crollo del sistema e dell’intero comparto del terziario. «Occorre che Regione Campania, comuni della penisola sorrentina, dell’isola di Capri e delle altre località turistiche principali della Campania ha detto Sergio Fedele presidente dell’Atex Campania – con determinazione e immediatezza facciano richiesta al governo dei ristori dedicati al sistema ricettivo delle zone a turismo prevalente. Non c’è un minuto da perdere altrimenti il sistema ricettivo delle principali località turistiche crollerà ha sottolineato Fedele – trascinandosi tutto l’indotto e impoverendo quelle zone che hanno rappresentante la forza trainante del turismo campano». L’associazione Atex ha ricordato che «quei territori in cui il turismo ha una incidenza media del Pil molto maggiore del tredici per cento sono località in cui l’economia è completamente collegata al turismo e al suo indotto. Queste zone a turismo prevalente sono aggredite da una povertà crescente inarrestabile perché non hanno alcuna alternativa produttiva rispetto al turismo. In queste aree era ed è fondamentale ha evidenziato il numero uno dell’Atex Campania – una strategia mirata attraverso misure straordinarie e immediate di governo e Regione». L’ennesima proposta lanciata sull’argomento dai rappresentanti del comparto turistico è quella di riconoscere ristori immediati per tutte le strutture ricettive da corrispondere nel primo bimestre del 2021. Intanto l’Atex che aveva lanciato un appello per una perfetta organizzazione per l’evento sorrentino legato al G20 ha voluto esprimere apprezzamenti al sindaco di Sorrento Massimo Coppola e al sindaco di Meta Giuseppe Tito per il ruolo che svolge in Città Metropolitana per il finanziamento destinato al Teatro Tasso. «È una ottima notizia per i residenti di Sorrento e per gli operatori del turismo e dei turisti che negli anni scorsi hanno avuto la possibilità di godersi spettacoli caratteristici della nostra penisola»