Turismo ko B&b contro il ministro «Si dimetta»

0
130

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Dal turismo di penisola sorrentina, costiera, Napoli e Capri chieste le dimissioni di Franceschini. Al ministro ai beni culturali ed al turismo è stata inviata una nota da parte dei presidenti di Atex, associazioni del turismo extralberghiero, di Sorrento, Capri, Positano e Napoli. Una missiva nella quale, senza tanti giri di parole, si chiedono le dimissioni del responsabile del dicastero. «Non sarà piacevole ricevere una lettera in cui tanti operatori del turismo le chiedono di dimettersi, ma lei ci ha costretto a farlo si legge nella lettera Atex a firma di Sergio Fedele presidente Campania penisola sorrentina, Graziano d’Esposito presidente Isola di Capri, Nino de Nicola Atex Napoli e Andrea Cannavacciuolo Atex Positano – il nostro settore era già, in questo momento drammatico, perplesso e sfiduciato per la scarsissima attenzione dedicata al turismo nei tanti decreti legge che si sono susseguiti, per la totale marginalizzazione delle strutture extralberghiere senza partita Iva che rappresentano ormai un pilastro del sistema ricettivo, per la decisione di considerare il bonus vacanze la misura principale di sostegno al settore, per la scarsissima considerazione che lei ha dimostrato verso il confronto con gli operatori prima di assumere decisioni definitive». A portare al pesante j’accuse il comparto extralberghiero del golfo di Napoli sarebbe stata la ripartizione delle risorse del recovery fund definita inaccettabile dai leader Atex. «Una scelta scellerata scrivono i presidenti Atex – proseguendo in tale direzione ci sarà la morte definitiva di migliaia di operatori e la disoccupazione certa di migliaia di lavoratori, oltre a sferrare un colpo mortale all’identità e al futuro del nostro paese. Sappia che le sue dimissioni rappresenterebbero oggi l’unica notizia positiva per la stragrande maggioranza di chi lavora nel turismo, in un momento disperato»