Enzo Calabrese “Quando cantai con Gigi Proietti all’Anema e Core

0
98

Fonte: Roma

NAPOLI. «Era giugno del 1996.

Presentai a Capri il “Premio Caprifestival”. Tra i premiati c’ erano Gigi Proietti e Lina Wertmüller, madrina della serata Marisa Laurito».

Così, lo showman Enzo Calabrese ricorda una delle sue avventure con Gigi Proietti. «La serata fu bellissima ed elegante – prosegue Calabrese – Proietti era da solo ed io lo accompagnai all’ hotel Quisisana. Quando ci lasciammo, gli chiesi se, dopo cena, volesse ascoltare un po’ di musica nella famosa taverna “Anema e core”.

Lui la conosceva di nome, però non c’ era mai stato. Accettò l’ invito. Alle 23 ritornai al Quisisa na ed insieme andammo al locale. Nel frattempo avevo avvertito il padrone di casa, Guido Lem bo che mi sarei recato in taverna con Gigi Proietti.

Gentilissimo come sempre, Guido ci riservò un tavolo e, nemmeno il tempo di sederci, che subito ci venne offerto da bere, Gigi commentava la serata del premio ed era ammirato dell’ atmosfera del locale e dagli ospiti che si alternavano a cantare con Guido e la sua band. Ora viene il bello… Guido, da grande furbo ne, accennò “That’ s amore”. Allora Gigi, spontaneamente, si alzò e si mise a cantare con il gruppo e fece un grande show tra la meraviglia di tutti e spiegò che era venuto a Capri per ritirare un premio e che il presentatore ero io.

Insieme a Guido mi invitò sul palco e mi chiese di fare l’ imitazione di un suo amico, Fred Bongusto. Insieme cantammo “Anema e core in omaggio al locale che ci ospitava e ci divertimmo tantissimo. Sono orgoglioso di avere cantato e trascorso quella stupenda serata con Gigi Proietti».