Stop Giudice di Pace, il caso arriva in Parlamento

0
80

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Capri. Il caso della chiusura del Giudice di Pace di Capri approda in Parlamento. Su intervento del consigliere comunale Enrico Romano e dell’associazione Avvocati dell’isola di Capri, il senatore Francesco Urraro ha presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sulla situazione del trasferimento dell’ufficio del Giudice di Pace di Capri a Napoli. «Si chiede di sapere se il Ministro non ritenga opportuno ha scritto Urraro nel documento – destinare immediatamente nuovo organico al giudice di pace di Capri per evitare la chiusura definitiva dell’ufficio con grande danno per l’isola e gli isolani». Il decreto del Tribunale con il quale si trasferiscono sino al termine dell’anno a Napoli le attività del Giudice di Pace di Capri, avrebbe tra le sue motivazioni anche la mancanza di personale dopo la recente scomparsa dell’unico dipendente in servizio stabile. «Questo provvedimento danneggia gli abitanti dell’isola e mette a dura prova la necessaria garanzia di giustizia ha detto ancora il senatore – per coloro che sono impossibilitati a raggiungere la terraferma, soprattutto in un momento in cui il governo invita i cittadini ad evitare spostamenti. A sollecitare interventi erano stati nei giorni scorsi, tra gli altri, la delegazione isolana dell’Unione Nazionale Consumatori, i due comuni di Capri e Anacapri, il gruppo consiliare CapriVera, l’associazione Atex isolana. «Costringere avvocati e cittadini a recarsi fuori dall’isola si fa notare nell’interrogazione – aumenta il rischio di portare il virus nell’isola stessa, in Campania la situazione dei contagi è al limite della gestibilità, e si rende ancora più necessario, quindi, un intervento immediato del ministero della giustizia al fine di rimediare ai disagi arrecati agli abitanti dell’isola».