Capri, sos per la scuola abbandonata, scatta l’appello per il restyling

0
905
istituto alberghiero capri

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Capri. Intervenire per dare un futuro all’ex scuola di Marina Grande a Capri. L’edificio di proprietà comunale che ha ospitato nel borgo marinaro per 40 anni i bambini della zona che frequentavano l’asilo e le elementari e e sino al 2017 gli studenti dell’Istituto Alberghiero Axel Munthe, è da tempo inutilizzato. Un fabbricato su due piani con tre ingressi stradali, sia sul lato carrozzabile che pedonale, che da quando è stato liberato dall’Alberghiero, trasferitosi nella cittadella di Anacapri che riunisce le scuole superiori isolane, è attivo esclusivamente come seggio elettorale. In soffitta è finito un progetto per fare di quell’immobile un albergo didattico, il primo in Italia di questo genere. La Città Metropolitana di Napoli, insieme con la Fondazione Its Bact, l’istituto Axel Munthe e il comune di Capri durante la precedente consiliatura guidata dal sindaco Gianni De Martino, avevano presentato alla Regione un progetto per la realizzazione di un laboratorio d’impresa didattica, turistica e alberghiera per la formazione, attraverso progetti di alternanza scuola-lavoro, degli studenti degli istituti alberghieri dell’area metropolitana. Obiettivo del progetto era quello di convertire l’edificio in spazi didattici per garantire agli studenti un apprendimento earning by doing nelle varie fasi lavorative, al fine di formarli per le professioni più richieste dal mercato. Niente da fare, però, perché si è poi parlato con la nuova consiliatura di fare di quel fabbricato di proprietà comunale la sede di un medical center. Ma ad oggi nulla si è più saputo e sono in tanti a lamentare il progressivo decadimento strutturale di una proprietà comunale, di fatto vuota. «Intervenire prima che l’edificio cominci a cadere a pezzi»: a chiederlo è Costantino Federico, già sindaco di Capri e attuale consigliere nelle fila del gruppo CapriVera che più volte ha chiesto interventi per dare un futuro all’immobile