Il blackout dei trasporti «Rafforzate le tratte Napoli-Capri»

0
180

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Ripristinare con urgenza il traghetto ad ora di pranzo da Napoli per Capri e rivedere il prospetto orario dei collegamenti tra l’isola azzurra e la terraferma per ridurre i buchi. Numerosi utenti tra isolani e pendolari chiedono che si modifichi la partenza del traghetto da Napoli che attualmente salpa alle ore 12.40 e che però era stato spostato nel recente passato alle ore 13.30. La richiesta di tornare alla precedente modifica è motivata con il fatto che alle ore 12.40 e quindi nello stesso istante dal molo Beverello per la stessa tratta parte ogni giorno un aliscafo. A fronte di una doppia e contemporanea possibilità di partenza non figura, attualmente, nessun altro mezzo, sino alla successiva corsa di aliscafo in orario alle ore 14.40. Un buco totale di due ore che in passato era stato, invece, colmato facendo slittare dalle ore 12.40 alle 13.30 la partenza del traghetto che andava sia ad intercettare il black-out orario che a raccogliere l’eventuale soppressione dell’aliscafo per avverse condizioni meteomarine che di inverno si potrebbe manifestare. La partenza contemporanea, poi, tra l’altro da due moli diversi e distanti quasi un chilometro causerebbe disagi all’utenza che in caso di mancata partenza dell’aliscafo dal molo Beverello non avrebbe il tempo necessario a raggiungerlo. A questo si aggiunge come fanno notare gli addetti ai lavori il fatto che soltanto 40 minuti prima, (la nave veloce) effettua la tratta Napoli-Capri. Insomma una sorta di spreco, una motonave ed una nave, nel giro di quaranta minuti e poi più nulla sino alla partenza delle 17.25 con un’altra motonave. Il ripristino, invece, della corsa delle 13.30, distribuirebbe in modo più equo le corse di motonavi e traghetti e contemporaneamente andrebbe a colmare il sopracitato buco.