Collegamenti a singhiozzo, maltempo e caos al porto

0
231

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Collegamenti marittimi e corse cancellate, basta confusione e disorganizzazione, occorre ripensare soste e attese agli imbarchi. L’arrivo dei mesi freddi e le prime giornate di condizioni meteo marine avverse riportano alla ribalta della cronaca il mondo legato ai trasferimenti tra l’isola azzurra e la terraferma. Allo stato attuale, come per l’ennesima volta è emerso ieri quando sulla terra cara all’imperatore Tiberio è calata di botto una mini bomba d’acqua, il porto di Capri fa acqua da tutte le parti. Pozzanghere e laghetti che si formano in vari punti della banchina che essendo stretta costringe pendolari e viaggiatori a chicane per evitare di bagnarsi, e poi a parte l’indiscutibile senso dell’ospitalità di tutti gli operatori di Marina Grande, sempre gentili e disponibili ad offrire riparo nei loro bar, non esiste alcun punto di ritrovo dove gli utenti possono attendere la partenza di traghetti ed aliscafi. Ancor più lunga e disagevole diviene poi la pausa forzata al borgo marinaro isolano se per cattive condizioni meteo il mezzo in programma viene annullato e la corsa successiva è magari una o due ore dopo. Infine più volte è stata sollecitato un sistema digitale per aggiornare real time viaggiatori e pendolari su partenze, arrivi, modifiche, eventuali corse straordinarie. E a questo proposito che già nei giorni scorsi all’indomani dell’ennesimo stop ai collegamenti marittimi che aveva causato decine e decine di persone in fila per avere notizie sulle partenze e per acquistare i biglietti per il primo mezzo utile, Costantino Federico, già sindaco di Capri per più mandati negli anni scorsi, ha evidenziato che non c’era nessuna assistenza ai tanti turisti abbandonati al loro destino. Servirebbe una cabina di regia ha proposto Costantino Federico che nei suoi anni da primo cittadino ha sempre dimostrato una grande lungimiranza – quando si verificano cancellazioni di corse, l’istituzione di un punto di sosta o di attesa e una adeguata assistenza sia ai turisti che ai residenti.