Capri, cede costone ai piedi del Solaro, detriti sui terrazzi, ville sgomberate – fotogallery

0
397

Fonte: Il Mattino

di Anna Maria Boniello

Un movimento franoso che si è staccato dal costone della Grotta delle Felci a Capri è stato avvistato ieri pomeriggio dai bagnanti che si trovavano sulla spiaggia di Marina Piccola. Immediato è scattato l’ allarme da parte di alcuni residenti capresi che hanno avvertito carabinieri, polizia e vigili del fuoco che immediatamente si sono recati sul posto attraverso la piccola stradina nel verde, affollata da ville storiche e abitazioni importanti appartenenti quasi tutte a vacanzieri che vivono in quell’ angolo di Capri che dall’ alto, proprio ai piedi del monte Solaro, si affaccia su una vista mozzafiato con I Faraglioni a far da sfondo. Anche se la frana fortunatamente non ha arrecato danni alle persone, dopo i primi sopralluoghi effettuati dai vigili del fuoco e dai tecnici del Comune si è capito che alcune abitazioni dovevano essere sgomberate. Durante il suo percorso infatti, la frana ha spezzato alcuni alberi di alto fusto e le terrazze e le tettoie di alcune eleganti ville sono state colpite da frammenti di roccia pericolosi mettendo a rischio l’ incolumità degli abitanti.

Sul luogo è arrivato anche il sindaco di Capri Marino Lembo che ha assistito alla messa in sicurezza dell’ area da parte dei vigili del fuoco per evitare che il percorso dei detriti potesse allungarsi ancora più in basso. Al calar delle tenebre infine è arrivata la decisione dei vigili del fuoco per l’ ordine di sgombero di alcune ville che si trovavano in prossimità dell’ evento franoso e di quelle che erano state colpite dai piccoli massi rocciosi.

LA SICUREZZA Non è la prima volta che nell’ antica zona della Grotta delle Felci, primo antro dove furono trovati resti e attrezzi di uomini primitivi, si verificano piccole frane e smottamenti di terra, specie nei periodi estivi. quando a causa della siccità il terreno tende a scendere a valle. Proprio come è successo ieri in un caldo e afoso pomeriggio d’ estate. Oggi, dopo la conclusione delle verifiche effettuate dagli enti competenti si potrà accertare se l’ ordine di sgombero dovrà essere confermato o meno per le case oggetto del provvedimento o se dovrà essere esteso anche ad altre abitazioni di quella zona residenziale.