Blitz al porto di Capri Il cane anti droga scopre dosi di cocaina e hashish

0
431
;

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

A Capri arriva Cafor, il cane antidroga della Guardia di Finanza, sequestrati cinquanta grammi di cocaina e dieci grammi di hashish. Operazione della Guardia di Finanza della Tenenza di Capri, diretta dal Luogotenente Antonino Di Martino, che si è conclusa con il sequestro di sostanze stupefacenti e più specificatamente circa cinquanta grammi di cocaina e dieci grammi tra hashish e marijuana. Gli accertamenti in corso messi in atto dalle Fiamme Gialle si sono poi spostati sull’identificazione dei responsabili. Sembra che una persona proveniente probabilmente da Castellammare di Stabia si sarebbe liberata di un quantitativo di droga, contenuto in un involucro di cellophane avvolto con il cerotto medico alla vista degli uomini della Guardia di Finanza sul porto di Capri. L’operazione antidroga ha portato anche ad effettuare numerose segnalazioni per consumo di droga alla Procura ed alla Prefettura. L’arrivo sull’isola azzurra di Cafor, un pastore tedesco, una razza di cane particolarmente efficiente nell’individuare sostanze illegali grazie al fiuto sensibile e alla loro capacità di concentrazione durante il lavoro, appartenente all’unità cinofila coordinata dal Gruppo Pronto Impiego Napoli nell’attività svolta con i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Capri ha portato al controllo di centinaia di persone. Le verifiche sono state messe in atto in corrispondenza con il clou della stagione turistica ed in un periodo che sta facendo registrare numeri importanti in fatto di arrivi e presenze. Sono, infatti, questi i giorni in cui, considerata anche la coincidenza con il massimo momento di ferie, si registrano flussi elevati di persone che mettono piede sul porto di Marina Grande. E come già confermato dal Prefetto di Napoli Marco Valentini nella visita istituzionale dell’altro giorno alla presenza delle forze dell’ordine e dei rappresentanti delle amministrazioni dei due comuni isolani, con incontri in entrambi i municipi all’ombra dei Faraglioni oltre che presso le sedi capresi delle varie forze dell’ordine operanti, ha garantito la massima attenzione sul fronte della sicurezza, in particolare adottando controlli sistematici e severi soprattutto nell’ambito della movimentazione portuale, degli sbarchi dai mezzi di trasporto in arrivo dalle varie località della terraferma sia durante la fascia mattutina che nelle altre ore della giornata.