Prove di normalità sull’isola, riapre al pubblico villa Lysis

0
64
Villa Lysis
;

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

A Capri riaperta e a ingresso gratuito Villa Lysis. Ha riaperto i suoi battenti al pubblico la storica dimora del barone dandy Jacques Fersen che svetta ai piedi del monte Tiberio e che completa con Villa Jovis e Parco Astarita quell’ideale circuito turistico tra mito e natura nella parte alta dell’isola azzurra dalla quale si avvista con un panorama suggestivo l’intero scoglio amato dagli imperatori romani. La riapertura, attesa già da diversi giorni quando la ripartenza di Capri e della stagione 2020 aveva riportato turisti e vacanzieri sull’isola, è avvenuta da qualche giorno con una novità. Al momento, infatti, non ci sarà un biglietto di ingresso e quindi si potrà accedere gratuitamente al sito di interesse storico-artistico. I cancelli di Villa Lysis di nuovo aperti al pubblico si vanno ad aggiungere alla Certosa di San Giacomo tornata in attività già da qualche settimana ed ai Giardini di Augusto che anche hanno ripreso a vivere, a simbolo di una Capri che, mantenendo la massima attenzione ed il rispetto di protocolli e misure di sicurezza, torna alla sua consueta cartolina fatta di bellezze naturali e mete culturali da ammirare e conoscere. E la villa dallo stile liberty insieme al ritorno dei visitatori rivive anche con gli appuntamenti di carattere culturale. In calendario la presentazione del libro Villa Lysis – Flora e storie di volontari che verrà ospitato lunedì nel giardino della villa. Il libro pubblicato a cura dell’associazione di volontariato Capri è Anche Mia è una testimonianza del lavoro svolto dai volontari, dal 2014 al 2016, per recuperare e ripristinare le aree esterne della villa. La prefazione è firmata da Massimo Ricciardi, professore di botanica ed esperto della flora mediterranea. La prima parte del libro è dedicata alla cronologia dei lavori svolti dall’associazione, con testimonianza fotografica delle attività svolte per riportare giardino e parco La Gloriette’ alla condizione attuale ha spiegato Tonino Gargiulo presidente dell’associazione Capri è Anche Mia’ composta da instancabili volontari che svolgono un’attività preziosa per l’isola e gli isolani – La seconda parte del libro è rivolta alla flora presente nella villa. L’argomento viene affrontato da Francesca Ippolito, agronoma, che descrive le piante e gli arbusti presenti nell’area. Infine troviamo un capitolo dedicato alle rose, un fiore che il conte amava particolarmente. L’argomento è stato affrontato da Stefania Perito, rodologa e volontaria che ha ricreato l’armonia originaria tra le rose e il paesaggio. Il giorno dopo, invece, appuntamento con la rassegna on line ambientata sempre a Villa Lysis, a cura dell’associazione culturale Apeiron con Solo l’amare, solo il conoscere un omaggio alla straordinaria figura di Pier Paolo Pasolini. Un tuffo nella prosa e nella poesia del grande intellettuale italiano spiegano dall’associazione culturale Apeiron – che muovendosi tra periferie e centri storici aggredisce’ la città di Roma, per conquistarla.