Ripresa turismo, appello di Atex: «Extralberghiero, basta ignorarci»

0
166

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Spiagge libere senza prenotazione e intanto «a Capri in questo week end finalmente si vedono tanti turisti, speriamo che tutto questo contribuisca a far capire l’importanza del settore extralberghiero». L’Atex, l’associazione che riunisce gli operatori delle strutture turistiche auspica che la fase tre ed il ritorno della cartolina di viaggiatori e vacanzieri muniti di bagagli che sbarcano sulla terra dei Faraglioni sia anche un modo per far «aprire gli occhi alle istituzioni che continuano a ignorare il nostro settore dice Graziano d’Esposito, presidente Atex isola di Capri – nelle varie misure di sostegno, dimenticando il nostro ruolo e il volume economico diretto e indiretto che produciamo». Una ripresa che ha fatto emergere in questo weekend da un lato un discreto viavai di persone ma dall’altro che una serie di cose necessitano di una messa a punto, come la riorganizzazione dei trasporti in particolare marittimi, che, con l’attuale protocollo in fatto di capienza e numero di corse, rischiano di far registrare code infinite e vacanze fatte soprattutto di lunghe attese. A proposito di trasporti da ieri la funicolare di Capri ha prolungato il servizio serale. «Vedere tanti turisti sulla nostra isola in queste ore ci riempie di speranza ma soprattutto di orgoglio dice ancora il presidente Atex isola di Capri – le nostre strutture hanno consentito la ripartenza del turismo a Capri e speriamo che possano servire da effetto traino per la riapertura di tanti alberghi e locali. Un momento di speranza, dopo tanta paura e angoscia. Il settore extralberghiero organizzato ha dato una importante testimonianza di affidabilità e maturità, confermando quanto sia decisivo nel sistema ricettivo della filiera turistica. Con lo stesso entusiasmo andremo avanti, appellandoci alle istituzioni locali affinché si avvii un sistema di controllo per chiudere le strutture non autorizzate che creano un danno all’immagine di Capri». Intanto sull’isola azzurra non ci saranno prenotazioni o turni per fasce orarie per l’ingresso alle spiagge pubbliche. Dal governatore della Campania Vincenzo De Luca è arrivata, infatti, la disposizione di eliminare sull’intero territorio regionale tutte le norme che regolamentano la fruizione dei litorali «affidandosi al buon senso di responsabilità dei cittadini».