Cotoletta caprese “vegetariana”

0
107

di Marco Milano

Proponiamo una ricetta per chi ama la cucina vegetariana ma anche semplicemente per tutti coloro che prediligono i prodotti della terra, soprattutto se coltivati in fondi e appezzamenti capresi ed anacapresi. Tra i raccolti di questo periodo sicuramente fa la sua parte la melanzana alias “’a mulignana” come chiamata da queste parti. E se nell’immaginario collettivo, probabilmente, la riteniamo figlia delle nostre zone e prodotto tipico per ricette dell’area campana la melanzana per la storia sembrerebbe innanzitutto essere indiana. Curiosando tra libri, infatti, si scopre che la melanzana sembra sia stata conosciuta in Europa non prima del sedicesimo secolo, mentre “se ne parlava” in Asia già con mille anni di anticipo. Testimonianze di antichi trattati agricoli del continente asiatico lo dimostrerebbero, così, come soltanto lo sbarco arabo in Spagna, in piena “seconda parte” del Medioevo lo avrebbe svelato nelle zone più vicine alla nostra nazione. In ogni caso, oggi, “’a mulignana” è presenza costante sulle nostre tavole, sia come componente essenziale per una gustosa pasta, che come protagonista assoluta, dalla parmigiana alla versione “a funghetti” sino alla raffinata ricetta “a barchetta”. Proviamo ora dal nostro spazio “Gusto” a fare della “solanum melongena” (ovvero melanzana) una originale cotoletta. Pochi sono gli ingredienti necessari e per quanto concerne le melanzane avete due opzioni, o “la classica” lunga da tagliare, sapientemente e con maestria o “la tonda” che per le particolari caratteristiche si presta ad essere affettata con più facilità. Potete servirla in tavola come secondo o sfizioso antipasto. Buon appetito!  

Ricetta Cotoletta caprese “vegetariana”

Ingredienti per sei persone:

1 kg. melanzane

Farina

3 uova

Pangrattato

Sale

Una padella con olio abbondante

Procedimento

Sbucciate le melanzane e tagliatale in fette non troppo sottili (in lungo nel caso di melanzana “classica”), poi posizionatele in strati con un po’ di sale tra due piatti rovesciati con un peso in modo da farne uscire “l’amaro”. Attendete un paio di ore, quindi asciugatele, e procedete con la preparazione: infarinate, indorate nell’uovo sbattuto, passate nel pangrattato le fette di melanzane prima di friggerle in olio bollente. (Stesso procedimento per melanzane a fetta tonda). Potete servirle in tavola anche guarnite da una dadolata di pomodorini conditi con aglio, olio, sale, origano e basilico tritato.