Le opposizioni chiedono l’annullamento del bando di gara per la biglietteria dei Giardini di Augusto.

0
832

(Fonte : ANSA) – CAPRI (NAPOLI), 20 FEB – I consiglieri dei gruppi di
opposizione al Comune di Capri hanno chiesto l'annullamento del
bando di gara per l'affidamento del servizio di bigliettazione
ai Giardini di Augusto.
I cinque consiglieri dei gruppi "L'onda – rinnovamento e
sviluppo", "I Capresi per Capri" e "Per Capri", Marzio
Lembo, Enrico Romano, Ada Gargiulo, Costantino Federico e Anita
de Pascale, hanno formulato la richiesta in una lunga nota
inviata al segretario comunale, Paolo Rispoli, e ai responsabili
dei settori affari generali e finanziario ribadendo la propria
posizione di netta contrarietà al pagamento di un biglietto di
un euro per l'accesso ai Giardini di Augusto, il parco pubblico
con vista sui famosi Faraglioni di Capri e con panorama
mozzafiato sulla baia di Marina Piccola. "Nella nuova gara
d'appalto, che affiderà il servizio per un triennio, per il
canone annuo da corrispondere al Comune – si legge nella nota
dei consiglieri di minoranza – è stata fissata una base d'asta
di soli euro 150.000. Ciò appare inspiegabile in considerazione
del dato di circa 330.000 visitatori paganti dello scorso anno,
tanto più che, per il triennio posto a gara, il periodo di
attività del servizio è stato sensibilmente prolungato
rispetto a quello dello scorso anno, per cui il numero di
visitatori si può stimare in almeno 400.000 l'anno".
Nel documento inviato al Comune, i cinque consiglieri di
opposizione hanno chiesto "la revoca immediata del bando di
gara in sede di autotutela, allo scopo di evitare che il
servizio sia affidato in condizioni da poter procurare grave
danno patrimoniale all'ente pubblico e per permettere di
stabilire una base d'asta congrua in relazione alla redditività
del servizio". I consiglieri di opposizione, Marzio Lembo,
Enrico Romano, Ada Gargiulo, Costantino Federico e Anita de
Pascale, hanno chiesto ai sensi del regolamento per il
funzionamento del consiglio comunale la convocazione di una
riunione straordinaria di consiglio per la discussione
dell'argomento.
(ANSA).