Emergenza Coronavirus: per l’ isola azzurra inizia ora la prova più difficile

0
210

Fonte: Cronache di Napoli

di Diego Semola

L’ emergenza Coronavirus non si ferma.

Napoli, la Campania e l’ Italia lottano contro questo maledetto virus sta travolgendo le vite di tutti.

Doppio lutto a Cardito. E’ morto Carlo Mormile (nella foto), di 70 anni, risultato positivo al testa da Covid-19. L’ uomo era ricoverato a Pozzuoli. A Frattamaggiore, invece, era ricoverato Salvatore Farina, sempre residente nel Comune di Cardito: per lui si attendono gli esiti degli esami del tampone, effettuato post mortem. E’ risultata positiva, infine, una dottoressa che lavora a Napoli, all’ ospedale del Mare. Un giorno molto brutto per la comunità di Terzigno, che regi stra un’ impennata di casi positivi al virus ed un decesso. “L’ Asl mi comunica la positività di due soggetti che fanno salire a sei il totale per il nostro paese. Purtroppo la signora Dora Maggetti deceduta è risultata positiva. Ho richiesto immediatamente in accordo con il medico di famiglia, spingendomi oltre le competenze, di effettuare subito il tampone al figlio dei coniugi morti a causa di questo maledetto virus anche se con malattie pregresse”, afferma il sindaco Francesco Ranieri. A tenere in angoscia tutti i cittadini di Napoli e provincia è l’ impennata di test risultati positivi.

A Pozzuoli i casi aumentano. “Una persona domiciliata a Pozzuoli è ri sultata positiva al test Covid-19. In totale sono 21 i casi, di cui 16 attualmente contagiati, un guarito e quattro decessi”, spiega il sindaco Vincenzo Figliolia. Altri tre casi, invece, nel Comune di Casoria, a Nord di Napoli. Si registra il primo caso di un cittadino infetto nell’ Isola di Capri. Si tratta di un cittadino residente ad Anacapri in auto -quarantena dal 15 marzo. Il sindaco di Anacapri, Alessandro Scoppa, si è rivolto a tutta la popolazione: “Devo informarvi che il tampone di un nostro concittadino, che lavorava attualmente fuori isola, è risultato positivo al Covid-19. Tengo a precisare che all’ atto del rientro ad Anacapri, lo scorso 15 marzo, ha comunicato che avrebbe osservato il periodo di isolamento fiduciario e che sia nel tragitto fatto per rientrare sull’isola che durante il citato isolamento, ha seguito tutte
le norme di sicurezza previste dalle vigenti normative, infatti, in tale periodo, non ha avuto contatti con nessuno”. Rallenta, almeno apparentemente, la corsa del virus in Terra di Lavoro. Tra Caserta e pro- vincia ci sono 181 contagiati, sono cinque positivi in più rispetto all’altro ieri. Complessivamente in Campania, ieri sono stati eseguiti 885 tamponi, con 128 nuovi positivi. Il totale dei tamponi esaminati è di 10.593, con 1.582 positivi.