La Regione accoglie la proposta dei Sindaci di Capri ed Anacapri e ripristina il collegamento per Sorrento e Napoli con la nave veloce

0
1353
;

fonte: redazione

Il Presidente De Luca ha accolto le istanze arrivate dai Sindaci di Capri ed Anacapri Marino Lembo e Alessandro Scoppa che in una nota hanno chiesto la rimodulazione degli orari dei collegamenti da e verso l’isola di Capri, che erano inseriti ieri nell’ordinanza firmata da De Luca che tagliava del 50% i trasporti terrestri e marittimi. Un provvedimento che questa mattina alla verifica di un attento studio non teneva conto della necessità di mantenere la linea della nave veloce tra Capri e Sorrento. E’ partito quindi dai palazzi municipale una nota dei due sindaci che proponevano orari alternativi mantenendo in piedi il taglio del 50% per far fronte in questo momento di emergenza ai regolari approvvigionamenti di beni di prima necessità e sanitari e generi alimentari che provengono in gran parte dalla nave veloce che copre la linea tra Capri e Sorrento. La richiesta dei due sindaci è stata accolta immediatamente tenendo conto delle motivazione espresse e quindi a partire da domani 14 marzo andranno in vigore i seguenti orari. Sulla prima tratta da Napoli Calata di Massa per Capri si effettuerà con la nave veloce alle 5.35. La seconda partenza sarà effettuata alle 9.00 con la nave lenta. La terza partenza da Napoli con la nave lenta alle 13.30 e l’ultima sempre con la nave lenta alle 19.40. Nuovi orari anche da Capri a Napoli con i traghetti, infatti la prima partenza sarà effettuata alle 6.40 con la nave lenta. Seconda partenza alle ore 11.00, la terza alle 17.40 sempre con la nave lenta. Ultima partenza da Capri alle 20.15 con la nave veloce tranne il sabato e la domenica. A mantenere i collegamenti tra Capri e Sorrento sarà la nave veloce con la prima partenza alle 7 del mattino, seconda partenza alle 13.35 escluso il sabato e la domenica. Per la tratta Sorrento – Capri sempre con la nave veloce della Caremar, la prima partenza alle ore 9.00 e la seconda alle 19.25 tranne il sabato e la domenica. Si tratta di un risultato importante ottenuto dalle due amministrazioni poiché a bordo il traghetto veloce oltre ad i passeggeri si imbarcano mezzi ed autoveicoli che trasportano sull’isola beni ed alimentari di prima necessità. La soppressione di questo mezzo di mezzo avrebbe provocato agli isolani seri problemi per gli approvvigionamenti. Soddisfatti i due sindaci ed anche la cittadinanza per la rapida soluzione della problematica.