Capri-Anacapri: pace fatta I sindaci tornano a parlarsi

0
67

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

«Stretta di mano» tra i comuni di Capri e di Anacapri che si danno appuntamento ad un calendario di incontri monotematici da discutere nella Consulta intercomunale. Si conclude con la ripresa del dialogo tra le due amministrazioni comunali isolane la questione intorno alla funicolare Marina Grande-Anacapri che aveva portato alla rottura istituzionale all’indomani della delibera votata a maggioranza dal consiglio comunale di Capri che revocando un precedente atto amministrativo sulla fermata intermedia del nuovo mezzo di trasporto a piazzale Europa, bloccava di fatto l’idea progettuale del collegamento alternativo su ferro tra i tre punti di snodo dell’isola azzurra. Ad esprimere soddisfazione per aver ritrovato «la strada verso un comune lavoro, sereno e condiviso, senza riserve mentali, per il benessere dell’intera isola» è stata l’Ascom Anacapri guidata dalla presidente Gelsomina Maresca, che si era fatta promotrice insieme alle associazioni di categoria dell’incontro pubblico alla presenza dei due sindaci e dei rappresentanti di entrambe le amministrazioni comunali isolane. «L’intento di mettere di nuovo a confronto le due amministrazioni ha detto Gelsomina Maresca, numero uno della Confcommercio Anacapri – è certamente riuscito, dopo una serie di passaggi sul territorio per concentrare le forze di tutti e sollecitare la riconciliazione». Il sindaco di Capri Marino Lembo che ha presentato uno specifico documento durante l’incontro ha ribadito «la necessità di affrontare insieme problematiche come quelle del diritto alla casa ai capresi, dell’istituzione dell’Area Marina Protetta e della nuova situazione dei rapporti con l’Ato 3, che riguarda la gestione del ciclo dei rifiuti sull’isola, quella dei collegamenti marittimi e non da ultimo ha evidenziato il primo cittadino di Capri – per la nostra comunità, quella dell’emergenza legata alla mobilità interna e dei collegamenti tra i due Comuni, da affrontare in un’ottica di sistema integrato». Alla Consulta intercomunale del turismo e della mobilità che verrà a breve riattivata il compito di trovare una soluzione che comporti il decongestionamento veicolare della zona dei Due Golfi, l’individuazione di un’alternativa stradale e la realizzazione in maniera condivisa di un collegamento nuovo Capri-Anacapri, così come previsto negli strumenti urbanistici vigenti, in un’ottica di Sistema integrato dei trasporti. Il sindaco di Anacapri Alessandro Scoppa ed il vicesindaco Franco Cerrotta hanno confermato «l’assoluta necessità di progettare una via d’accesso alternativa al comune di Anacapri rispetto all’unica strada attuale provinciale che collega i due territori».