Elisoccorso più tempestivo, il Comune cerca un’altra area

0
130

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Elisoccorso, il comune di Capri alla ricerca di una nuova superficie mentre si chiede un distretto sanitario autonomo. La giunta comunale di Capri guidata dal sindaco Marino Lembo ha dato mandato agli uffici competenti a seguito di valutazioni e considerazioni sulla necessità di rendere più agevole e tempestivo l’utilizzo dell’eliambulanza per i trasferimenti di pazienti critici, con patologie che non possono essere affrontate in loco, di individuare un’altra sede sul territorio comunale da adibire ad elisuperficie o piazzola di servizio per elicotteri. La delegazione dell’isola di Capri dell’Unione Nazionale Consumatori guidata da Teodorico Boniello aveva lanciato già da tempo questa idea, inserendola tra le proposte del tavolo permanente sui bisogni della salute degli isolani e raccogliendo oltre tremila firme attraverso una petizione on line, che è stata, poi, inoltrata sia ai primi cittadini di Capri e di Anacapri, che ai vertici regionali e dell’Asl. Capri è un’isola e, in quanto tale ha spiegato il sindaco Marino Lembo nell’atto deliberativo – presenta una serie di difficoltà in vari settori, uno dei quali è legato alla criticità per raggiungere il territorio metropolitano continentale, l’isola si legge ancora nel provvedimento – è dotata di una piazzola di servizio’ in località Damecuta di Anacapri e per raggiungerla bisogna percorrere tratti di strada con molte curve e tornanti con conseguente ulteriore disagio e sofferenza per i pazienti. Secondo il governo caprese, dunque, è necessario individuare un’area alternativa nell’ottica di semplificare la richiesta e l’arrivo di eliambulanza, in modo da rendere più rapido il servizio di soccorso. Con il provvedimento appena approvato è stato dato, quindi, mandato al Settore Lavori Pubblici di individuare uno o più luoghi idonei all’insediamento di una piazzola’ o meglio elisuperficie, nel territorio di Capri, prevedendo le normative e i requisiti per tale attività. Intanto dal gruppo di opposizione CapriVera guidato da Roberto Bozzaotre che aveva già ricordato nei giorni scorsi come durante la precedente consiliatura era stata pensata e progettata un’area alternativa di atterraggio a Marina Grande nei pressi del porto turistico è stata chiesta una immediata convocazione dell’Osservatorio sulla Sanità delle Isole nella quale discutere su una proposta alternativa per la gestione della salute nelle isole con la creazione di una Asl o un distretto autonomo e per venire a conoscenza dello stato dei lavori di adeguamento dell’elisuperficie di Damecuta.