Sos trasporti Ascom Anacapri incontra i commercianti

0
141

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Problemi sulla Capri-Anacapri e necessità di trasporti alternativi. I commercianti anacapresi si riuniscono domani pomeriggio per discutere di arterie stradali isolane e sistemi di collegamento diversi dagli attuali. L’assemblea promossa dall’Ascom Anacapri, è in programma nella sala Mario Cacace in piazza Cerio. Argomento all’ordine del giorno, dicevamo, è la discussione in merito alla condizione attuale di instabilità della strada provinciale Capri-Anacapri, unica strada che consente il collegamento tra i due territori comunali dell’isola. Decidiamo insieme cosa vogliamo per il nostro futuro e per la nostra sicurezza personale e commerciale ha scritto nella sua lettera di invito che annuncia ufficialmente l’incontro pubblico la presidente dell’Ascom Anacapri Gelsomina Maresca e confidiamo in una nutrita partecipazione. Sicurezza delle strade isolane, ed in particolare della provinciale Capri-Anacapri che ha registrato di recente situazioni di pericolo, tali da rendere evidenti necessità e bisogno di interventi immediati, dunque, al centro degli interessi degli operatori del terziario isolano che si chiedono anche se sia ancora possibile che a garantire i collegamenti interni al territorio possa essere un’unica arteria stradale costretta tra l’altro a sostenere un peso ed una viabilità ben più sostenuta rispetto a quanto avveniva sull’isola azzurra agli albori di tale strada provinciale. Ad essere di stretta attualità, dunque, e sarà sicuramente anche argomento dell’incontro di domani tra i commercianti anacapresi, è l’ipotesi di una seconda funicolare dell’isola, uno strumento alternativo di collegamento su ferro e non su gomma che possa meglio smaltire la movimentazione turistica e non solo. Tra l’altro la sicurezza e la stabilità della strada provinciale Capri-Anacapri è sempre stato uno dei temi che l’amministrazione comunale di Anacapri ha evidenziato, ponendolo alla base della ormai sempre più palese necessità di un collegamento alternativo, e quindi di una seconda funicolare. Progetto che sembrava essersi anche avviato sui, è proprio il caso di dirlo, binari giusti ma poi la recente delibera di consiglio comunale di Capri dove a maggioranza è stato approvato il ritiro di un dispositivo precedente che approvava una stazione intermedia della nuova funicolare a piazzale Europa, ha portato i due comuni alla rottura istituzionale. @riproduzione riservata