Biglietteria a Marina Piccola di Sorrento, è ancora braccio di ferro tra Caremar e I Morelli

0
117

Fonte: Roma

La vicenda della biglietteria Caremar di Marina Piccola mette in crisi pendolari e turisti che a breve non potranno più acquistare al porto di Sorrento i ticket per imbarcarsi sui traghetti per Capri.

La compagnia di navigazione e la società I Morelli sas di Antonino Durante & c. sono ai ferri corti per la gestione del servizio di vendita dei tagliandi.

Lo scorso 15 dicembre, infatti, 8 scaduto il contratto di mandato annuale che legava i due soggetti. Qualche giorno dopo, il 19, la Caremar ha disabilitato l’ account de I Morelli sas che consentiva loro di emettere i titoli di viaggio.

Allo stesso tempo il legale della compagnia, Salvatore Ravenna, ha chiesto la restituzione del box numero 1 della biglietteria di Marina Piccola e nel frattempo la Caremar ha aperto un altro punto vendita ottenendo ospitalità nei locali in uso alla Seremar. Condivisione degli spazi che dopo il 31 gennaio non sarà più possibile.

Urge, quindi una soluzione che al momento non sembra a portata di mano dal momento che la compagnia di navigazione non 8 intenzionata a fare passi indietro ritenendo il contratto concluso, e lo stesso vale per la I Morelli sas che, invece, ritiene si sia rinnovato.

«Il contratto – spiega Antonino Durante – 8 effettivamente scaduto il 15 dicembre, ma dalla Caremar non si 8 fatto vivo nessuno fino al 19 quando ci so no stati disabilitati i terminali. È vero che l’ accordo non prevede il tacito rinnovo, ma nei fatti, visto che abbiamo continuato ad operare, versando regolarmente quanto incassato, 8 come se la compagnia avesse accettato che fossimo ancora noi ad occuparci della vendita dei biglietti». Quindi, secondo l’ amministratore della I Morelli, pure senza un accordo scritto, vale il tacito rinnovo da parte della Caremar e non 8 intenzionato a mollare. «Continuiamo a presidiare la biglietteria che apriamo tutti i giorni fornendo informazioni all’ utenza – spiega – in attesa che la Caremar ci riattivi gli applicativi per l’ emissione dei titoli di viaggio». Il braccio di ferro continua e turisti e pendolari, dal primo febbraio, potrebbero trovarsi in seri problemi: niente biglietti per Capri.