Cellulari muti e segnale sparito a Capri, esposto ai pm, chiesto risarcimento

0
232

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Disservizi Timo a Capri da mesi, i Consumatori su tutte le furie chiedono una class action: «Basta, è la goccia che ha fatto traboccare il vaso». L’associazione ha preannunciato un esposto in Procura per segnalare i disagi degli utenti legati al cosiddetto Tim down. Secondo quanto sottoscritto dal delegato isolano dei Consumatori Teodorico Boniello sull’isola azzurra negli ultimi mesi si sarebbero registrati vari eo paisssoedni tdei, «csaedguntea lfer epqaurzeinatlie d i linea, impossibilità a ricevere o effettuare telefonate – spiega l’avvocato caprese Teodorico Boniello – parziale black-out, insomma. Sono problemi riscontrati dai tanti cittadini residenti pnreii nceogmliu nuil tidmi iC mapersii ,e dda Ai nquacaaliabbiamo ricevuto numerose segnalazioni, ultimo il grave disservizio verificatosi l’altro giorno quando si è registrata totale assenza dei servizi su buona parte del territorio isolano ». La nota dell’Unione Nazionale Consumatori Isola di Capri cè osnta atpa ptorassitmo eresscala am mo,e azlzloa pTeimc, . «Di tale incresciosa situazione – dice Boniello nel suo documento – è a conoscenza l’azienda sia per le segnalazioni ricevute e sia per un dato oggettivo, e che dovrebbe far riflettere, ossia cnheeg ldi euclitnime ie m deescii nseo ndoi cmititgardaitnii ad altro gestore telefonico». Le criticità sono state riscontrate, tra l’altro, anche nel centro storico ed in particolare, in via Dalmazio Birago, via P.S. Cimino, via Li Campi, via Posterula, vlei aG Lraisztirei,e rcio en vpiaar zMiaalde ocnonpae rdtue-lra del segnale in tutto il dedalo di vie e viuzze intorno alla piazzetta di Capri. Sulla situazione l’Unione nazionale consumatori sta valutando «ogni azione da intraprendere in caso di ultedriiosareg ipor»o. sNieognu osi deeslc lluadmee cnhtaet o i Consumatori presentino un esposto alla Procura di Napoli «per interruzione di pubblico servizio e per violazione dei diritti personali dell’individuo – evidenzia Boniello – che fa affidamento sulla funzionalità dmi aulen, bèe dniev,e cnhtaet on eels bseennzei aol en eple r le attività quotidiane». Tra le ipotesi anche «una class action per richiedere oltre al ripristino delle funzionalità – aggiungono dall’unione nazionale isolana dei consumatori – anche il risarcimento del danno