Maltempo: a Capri lidi danneggiati

0
100
Fortissime raffiche di vento e una violenta mareggiata hanno investito il versante di Marina Piccola e dei Faraglioni a Capri

Fonte: Metropolis

di Salvatore Dare/Marco Milano

Sorrento/Capri. Maltempo, ancora disagi in penisola sorrentina e Capri dopo la bufera di martedì notte. A Sorrento, danni in particolare nel borgo di Marina Grande. A Villa Astor – la storica dimora che ospitò anche Benedetto Croce – alcuni alberi sono andati giù a causa del forte vento. Problemi anche per un muro di contenimento della residenza, parzialmente crollato. Per questo, in via precauzionale, sono state sfollate tre famiglie che vivono nei pressi dell’immobile: trascorsa la notte in un hotel della zona, hanno potuto fare rientro a casa già ieri sera. Problemi anche a Piano di Sorrento dove per ripristinare le condizioni di sicurezza, il sindaco Vincenzo Iaccarino ha prorogato la chiusura della scuola dei Colli di San Pietro dell’istituto compresivo: se tutto filasse liscio, già domani gli studenti potranno tornare in classe. A Vico Equense, preoccupazione per le condizioni delle alberature sul monte Faito. L’ente parco dei monti Lattari pressa per provvedere alla messa in sicurezza di alcune alberature. Sull’ipotesi di tagli c’è anche il via libera della Città metropolitana di Napoli. Capri fa la conta dei danni dopo il maltempo. L’isola azzurra si lecca le ferite dopo le violente raffiche di vento e gli acquazzoni che hanno mandato in tilt utenze elettriche e telefoniche e causato numerosi danni tra tettoie divelte, alberi spezzati e calcinacci sparsi. Ad avere la peggio è stata la baia dei Faraglioni con le strutture dei vari lidi balneari di Marina Piccola che al risveglio si sono trovati con parecchio da fare per rimettere in sesto la situazione. Intanto riscuote consensi la proposta di mettere in piedi un sistema di contatto a distanza con la terraferma per garantire i servizi all’utenza isolana, in particolare quella studentesca, ed attenuare lo status di isolani isolati che si registra ogni anno di questi periodi. Lezioni via skype o colloqui via web sia per appuntamenti di lavoro che per consulti medici possono rappresentare una possibile soluzione che consenta all’isola azzurra di vivere con meno preoccupazione e soprattutto con minor disagio il periodo di maltempo che costringe spesso a tenere fermi ai box la maggior parte dei navigli incaricati di collegare Capri con la terraferma. L’ausilio delle nuove tecnologie potrebbe andare incontro all’isola ed ai suoi abitanti. Allo studio addirittura delle specifiche app che in caso di emergenza maltempo garantirebbero una serie di servizi ai propri utenti mantenendoli in contatto con luoghi di lavoro, scuole ed università per scongiurare le periodiche allerte meteo che anche quando non si verificano mettono comunque a riposo forzato la maggioranza dei servizi