Capri ospita il primo meeting internazionale su bioetica e diritti umani

0
156

Fonte: Il Denaro

di Marco Milano

Domenica a Capri si danno appuntamento le nuove scienze della biologia, della medicina, della tecnologia con i grandi temi del dibattito giuridico, etico e politico internazionale, in un’unica espressione i ‘diritti umani’. L’isola azzurra sarà location d’eccezione del primo incontro dal titolo ‘Come uscire consapevolmente dalla vita? Disposizioni Anticipate di Trattamento e Suicidio Assistito tra Norme, Etica e Società’. Ad aprire i lavori capresi sarà Maria Rosaria Romano, ideatrice del progetto e dottore in bioetica e discipline mediche umanistiche. La giornata caprese che sarà ospitata nel Palazzo dei Congressi di Capri vedrà la partecipazione dio autorevoli personalità del mondo scientifico, come lo scienziato Antonio Giordano, Ordinario di Anatomia e Istologia Patologica all’Università di Siena e direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine, Temple University of Philadelphia, Lucio Romano medico, accademico e politico, dell’Università degli Studi Federico II, Alberto Maria Gambino, Presidente di ‘Scienza e Vita’, giurista e Prorettore dell’Università Europea Roma. Ad introdurre il convegno sarà il sindaco di Capri Marino Lembo che taglierà l’ideale nastro inaugurale della sinergia tra comune di Capri e l’associazione ‘M. Mersenne’, che ha sede a Napoli, nella Sacrestia Papale della Basilica di San Francesco di Paola in piazza del Plebiscito. ‘Con questo primo meeting l’isola di Capri – questa la presentazione dell’evento caprese diverrà la vetrina Internazionale delle questioni relative ai rapporti tra Bioetica e Diritti Umani. E Maria Rosaria Romano che ha scelto Capri come sede e capitale ‘dell’International Bioethical Festival Research’, come continuum di una tradizione da conservare e rilanciare che fa dell’isola un crocevia tra cultura etica, ricerca e scienza ha sottolineato come sia difficile ‘rimanere immuni al fascino della perla blu, nello scenario naturale più prezioso del pianeta, approdo di tanti illustri scienziati come il primo premio Nobel per la Medicina, Emil von Behring, lo scienziato Vincenzo Cuomo che con le sue ricerche contribuì all’individuazione delle basi biologiche della climato-talassoterapia costituendo, ancora oggi, un punto di riferimento per gli studiosi del settore e Axel Munthe, anche lui medico e psichiatra svedese e animalista ante litteram. Le coordinate principali di Capri sono l’antichità e l’attualità. Gli attori in campo – ha aggiunto la Romano per raggiungere gli obiettivi proposti dal progetto sociale sono il comune di Capri, accompagnato dal supporto dei patrocini Unesco Chair on Bioetihics; unitamente all’Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare, alla Diocesi di Aversa; l’ISSR Interdiocesano-area casertana di Capua; della Pontificia Università dell’Italia Meridionale ed altri’.