Un contributo alle giovani coppie di Capri per pagare i fitti delle case

0
192

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Contributi per le giovani coppie capresi. Il comune di Capri mette in bilancio diecimila euro per l’assegnazione del contributo comunale per le locazioni abitative in favore delle giovani coppie per l’anno 2019. Il bando che avrà scadenza il prossimo 25 novembre prevede la possibilità a coloro i quali ne faranno richiesta di ricevere un sostegno economico se si è nelle condizioni di giovane coppia con necessità abitativa. Il provvedimento è una misura che vuole andare incontro alla esigenza di alloggio, problematica sempre più crescente sull’isola azzurra, tra paletti, per non dire divieti, a qualsiasi forma di nuova costruzione edilizia e difficoltà a reperire alloggi in fitto in un territorio dove è in costante crescita la locazione ad uso transitorio, quella turistica e a scopo extra-alberghiero. Il settore Anagrafe e Servizi Sociali del comune di Capri, dunque, in attuazione del Regolamento comunale per l’assegnazione del contributo comunale per locazioni abitative in favore delle giovani coppie approvato nel 2010 ha informato che le giovani coppie potranno così presentare domanda ed ottenere un contributo finalizzato al pagamento del canone di locazione «con l’obiettivo di incentivare la creazione di nuovi nuclei familiari e sostenere quelli esistenti». Per poter beneficiare di tale contributo le giovani coppie devono essere composte di residenti nel comune di Capri, con regolare iscrizione anagrafica da almeno un anno, non aver superato i quaranta anni di età nè essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso abitazione su uno o più alloggi, anche se inadeguati e situati in altre località della regione Campania. Requisiti richiesti per le giovani coppie capresi in cerca di contributo sono anche il possesso di un contratto di locazione per uso abitativo, regolarmente registrato, relativo ad un immobile non di edilizia residenziale pubblica, essere in regola con il pagamento della tassa sui rifiuti, non aver percepito nell’anno precedente alla pubblicazione del bando un reddito lordo attribuibile superiore ai cinquantamila euro e inoltre non condurre in locazione un immobile il cui locatore o proprietario sia un parente sino al quarto grado. Il pagamento del canone di locazione, è il presupposto per beneficiare del contributo che rappresenta, ovviamente soltanto una parziale copertura degli oneri sostenuti