Impianti fotovoltaici, approvati i progetti per cambiare Capri

0
273
;

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Impianto fotovoltaico a Capri. Il Palazzo dei Congressi a pochi passi dalla piazzetta sarà “testimonial” degli interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico. Un impianto fotovoltaico, infatti, sarà a servizio del centro congressi caprese con fondi del “Dl Crescita”, che ha assegnato contributi ai comuni per la realizzazione di progetti relativi a investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e tra questi quindi anche il comune di Capri. La giunta, guidata dal sindaco Marino Lembo, l’altro giorno ha approvato il progetto esecutivo finanziato da un contributo a fondo perduto assegnato al comune. Tra gli interventi ammissibili a finanziamento, infatti, rientravano quelli di “Installazione di sistemi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili”. A redigere il progetto è stato l’ingegnere Michele Guglielmi, esperto in gestione dell’energia. L’impianto fotovoltaico consentirà un sistema di funzionamento in gran parte autonomo rispetto alla rete elettrica comunale. Un sistema alternativo di isolamento termico, illuminazione e climatizzazione ad alto risparmio energetico che porterà l’isola azzurra in una dimensione all’avanguardia in fatto di energia rinnovabile e fonti ambientali eco-compatibili. La rivoluzione green di Capri, dunque prosegue, e altre iniziative saranno collegate a quella dell’impianto fotovoltaico come i futuri interventi sul territorio isolano per realizzare una rete di telerilevamento di rischio incendi boschivi nelle parti alte dell’isola e quelle maggiormente a rischio e la nascita di punti di ricarica per biciclette a pedalata assistita e punti di ricarica per i veicoli a trazione elettrica. La bicicletta a pedalata assistita in particolare sta diventando sempre più il mezzo di trasporto prediletto da isolani e turisti per percorrere quei pochi chilometri di strada carrozzabile che esistono sulla terra di Tiberio. La superficie completa dell’isola, infatti, presenta dimensioni e misure tali da poter essere raggiunta da un punto all’altro in qualche decina di minuti e l’impiego di biciclette e biciclette a trazione elettrica potrebbe rappresentare in futuro il modo migliore per “muoversi” all’ombra dei Faraglioni.