Boom di turisti sull’isola azzurra, a Capri continua l’estate

0
31

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Capri affollata in stile estivo tra file e traffico al porto di Marina Grande e lungo le strade carrozzabili. L’isola azzurra, complice un autunno a dir poco mite, con temperature che in pieno giorno vanno ben oltre i venticinque gradi continua a registrare numeri record in fatto di movimento turistico. Migliaia di sbarchi al giorno tra vacanzieri mordi e fuggi, turisti stanziali, convegnisti, proprietari di seconde case che approfittando del meteo fanno ritorno sull’isola per un bagno fuori stagione. Un fenomeno positivo se analizzato dal punto di vista imprenditoriale con attività a pieno regime, registratori di cassa che “suonano” come una perfetta orchestra, ristoranti ed alberghi presi d’assalto e stabilimenti balneari ancora gettonati come se il calendario fosse posizionato sui mesi estivi. Mise da mare con persone in manica corta, shorts e in molti casi addirittura ancora indossando ciabatte agostane. Dall’altro lato, però, le presenze record sul piccolo territorio isolano tengono viva ed attuale l’annosa e sempre più gravosa questione legata al collasso dei servizi e delle infrastrutture. Il piccolo porto commerciale, infatti, soffre nel periodo “caldo” lo “sbarco dei mille” che nulla ha a che vedere con eventi storici ma è la “fotografia” dell’arrivo quasi contemporaneo di migliaia di persone nelle prime ore del mattino e che si sta verificando anche in questi giorni. Il dato che si registra, quindi, continua ad essere la fatica a smaltire tanti turisti e viaggiatori che approdano su questo piccolo scoglio. Mezzi di trasporto su ferro e gomma, infatti, non sono “tarati” per “le migliaia” bensì per “le centinaia” e quindi lunghe sono le attese per riuscire a smaltire tutte le richieste di collegamenti interni sia all’arrivo che alle varie fermate intermedie.