Federalberghi sbarca alla Fiera di Rimini: «Estate da record per l’isola di Capri»

0
88

Fonte: www.ilmattino.it

Un’estate «da record» per l’isola di Capri sul fronte turismo. È il bilancio decisamente positivo per il 2019 che il presidente di Federalberghi Isola di Capri, Sergio Gargiulo, anticipa alla vigilia del Ttg Travel Experience che si inaugurerà domani 9 ottobre alla Fiera di Rimini. «Quest’anno – spiega Gargiulo – l’isola ha registrato indici di occupazione mai raggiunti in passato e contiamo di mantenere questi numeri anche in futuro. La presenza di visitatori negli hotel è stata costante sia in primavera che in estate e si sono avuti numeri eccezionali a settembre di cui si prevede la conferma anche ad ottobre, con una buona crescita rispetto agli scorsi anni. Un dato che va in controtendenza con il bilancio che quest’anno indica per l’Italia una sofferenza legata al forte ritorno sul mercato di alcune mete del Mediterraneo. Si tratta di una tendenza di cui Capri non ha sentito gli effetti».

La crescita dei numeri, sostiene il numero uno di Federalberghi Capri, «impone nell’immediato futuro la revisione delle strategie che regolano il traffico sull’isola, e non solo sulla terraferma, anche a fronte di alcuni problemi vissuti questa estate: Il gran numero di  turisti arrivato quest’anno e quello che si prevede possa sbarcare sull’isola nella prossima stagione, ci mettono di fronte all’esigenza di studiare nuovi piani di traffico a terra ma anche di rivedere le regole del traffico a mare, soprattutto nelle aree più sensibili dal punto di vista dell’attrazione turistica. Senza dimenticare di porre attenzione anche sul settore dei trasporti che merita, anzi necessita, di una revisione, soprattutto dei mezzi».

Secondo Gargiulo questi «sono dettagli dell’offerta turistica non trascurabili in quanto anche da essi dipende il benessere dei nostri ospiti, degli stessi capresi e l’immagine di Capri in generale. Dobbiamo impiegare i prossimi mesi a ragionare in modo serio concreto su queste problematiche, senza tralasciare a priori le ipotesi su possibili soluzioni alternative soprattutto nei collegamenti fra Capri e Anacapri, e mi riferisco alla eventuale nuova funicolare fra i due comuni».