Vetrine oscurate a Capri, tolleranza zero: scattano le multe

0
429

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Negozi con vetrine “oscurate” a Capri scattano le multe. In un’isola ancora estiva e con numeri turistici da alta stagione, parte la tolleranza zero nei confronti di boutique ed esercizi commerciali che contravvengono all’ordinanza comunale che proibisce vetrine spoglie e tappezzate con fogli di carta. Il dispositivo infatti venne varato per evitare di offrire un’isola “spenta” a vacanzieri ed ospiti. “Un fattore negativo e compromettente – è scritto nell’ordinanza del 2014 varata sull’argomento vetrine in sostituzione di una precedente di dieci anni sulla stessa materia – sotto il profilo estetico e di immagine per il territorio comunale attribuendo allo stesso un aspetto di abbandono e desolazione che contrasta con la tradizione di accoglienza e di ricettività di Capri anche nei periodi di bassa stagione turistica”. Il dispositivo ha fatto già la prima vittima dell’autunno 2019, con una sanzione comminata ad una boutique del centro di Capri per un importo di cento euro per aver “oscurato la vetrina e la porta d’ingresso dell’esercizio commerciale con carta”. Sull’isola azzurra, dunque, continua la battaglia per tutelare estetica e “luce” prima che l’ora solare, il grigiore e la chiusura di tanti esercizi pubblici e commerciali diano il viatico al tradizionale autunno caprese. Un autunno anomalo, per il momento, comunque, inaugurato da temperature estive, pienoni in alberghi e ristoranti e stabilimenti balneari in overbooking come se il calendario fosse ancora posizionato sul mese di agosto. Un allungamento della stagione calda che purtroppo per gli operatori potrebbe essere minato proprio nelle prossime ore dall’arrivo dei primi freddi, anche se stando al planning delle prenotazioni, le previsioni meteo non hanno spaventato i vacanzieri fuori stagione che hanno inoltrato tante richieste di soggiorno a strutture ricettive di Capri ed Anacapri per il primo weekend di ottobre.