Visita del ministro Costa, pronta un’accelerata per istituire l’area protetta

0
306

Fonte: Metropolis

di Marco Milano

Il ministro dell’ambiente Sergio Costa a Capri per l’inquinamento da microplastiche nel mar Mediterraneo. E’ in programma  nei prossimi giorni a Capri, all’Hotel “La Residenza”, la seconda conferenza internazionale sull’inquinamento da microplastiche nelle acque del Mediterraneo. Un’iniziativa organizzata dall’Istituto per i polimeri, composto e biomateriali del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ipcb). Un incontro di respiro mondiale durante il quale verranno affrontati i principali temi di carattere ambientale. E sull’isola azzurra la conferenza internazionale chiamerà a raccolta esperti delle comunità scientifiche, industriali, politici ed associazioni per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente. A Capri per l’occasione, come detto, tornerà anche il responsabile del dicastero per l’ambiente e la tutela del mare Sergio Costa. La trasferta isolana direttamente dai palazzi romani, potrebbe essere l’occasione anche per un approfondimento e fare un punto della situazione sulla questione area marina protetta isola di Capri. Nella precedente venuta sull’isola, infatti, il ministro Costa aveva preso impegno, come incaricato al medesimo ruolo del precedente governo Conte, per avviare entro il 2019 “i lavori” per fare delle acque intorno all’isola azzurra un parco marino. Un’area protetta per tutelare lo specchio dai colori azzurri e dai riflessi blu cobalto che bagna rocce e cale dello scoglio tanto caro all’imperatore Tiberio e flagellato da una presenza sempre più massiccia di imbarcazioni di ogni tipo, dimensione, genere e natura. Una presenza che somiglia ormai ad una sorta di “tappeto” nei momenti di massima affluenza e che ha fatto invocare a gran voce l’esigenza che il mare dell’isola venga perimetrato e inquadrato all’interno di un’area marina riservata. A Capri, dunque, dove di recente è partita l’iniziativa “plastic free” durante le giornate mirate ad un focus sull’inquinamento da microplastica in mare, ci potrebbe anche essere l’occasione per un ulteriore passo in avanti per il parco marino dell’isola azzurra.