Caos sbarchi doppio turno per i traghetti

0
243

fonte: Metropolis

di Marco Milano

Doppio turno, la Capri Lines e la separazione dei flussi. Questa la ricetta per riorganizzare il porto di Capri per la prossima stagione turistica. Il dibattito intorno allo scalo marittimo dell’isola azzurra, la sua organizzazione e le migliorie per una maggiore funzionalità si concentra sulla possibilità di dividere in timing diversi arrivi e partenze, sull’istituzione di una n uova compagnia di navigazione e sulle prime opere di restyling del porto per creare una passerella che disciplini il movimento in transito. Per quanto concerne gli arrivi e le partenze riprendendo un’idea dell’allora assessore Pino Spirito armi fa, la soluzione è contenuta nel doppio turno. Se il numero chiuso resta una decisione drastica, stabilire fasce orarie alternate per alleggerire i momenti clou degli arrivi e delle partenze potrebbe essere l’uovo di Colombo per risolvere uno dei mali di Capri che quest’estate ha dimostrato che continuando così rischia di collassare in maniera definitiva. E poi lo studio di fattibilità per la Capri Lines, una compagnia di navigazione isolana nell’ambito di un’operazione portata avanti dallo studio legale “Simeoli Partners & Law”. Un’iniziativa nuova nell’ambito dei collegamenti marittimi, che si fonda, stando alle parole dell’avvocato Gaetano Simeoli. «sull’idea, o meglio la necessità di dare un servizio adeguato ai passeggeri, vale a dire pendolari, residenti, turisti. Per venire incontro alle esigenze di tutte le fasce di passeggeri, sia d ‘estate che d’inverno. L’intenzione – aggiunge Simeoli – è quella di fornire servizi adeguati e per tale motivo nella nostra proposta sono inserite oltre alle tariffe agevolate rivolte ai pendolari e ai residenti, o ai passeggeri in genere, anche una business class, economicamente di eccellenza ». Infine tra gli interventi immediati ci sarebbe quello di istituire con strutture mobili o permanenti una separazione tra il flusso di chi arriva rispetto a chi parte, e una sopraelevata per il transito di automezzi e veicoli che sbarcano dai traghetti e trasportano merci e derrate alimentari, in modo da rendere fruibile la stretta banchina portuale isolana in attesa di lavori di ampliamento che in ogni caso avrebbero tempi di realizzazione lunghi e Capri invece ha bisogno di riorganizzarsi sin da subito per la
prossima stagione turistica.