Capri, alla scoperta dei mille Dalì possibili

0
251

Fonte: Il Mattino

Prosegue la mostra «Salvador Dalì L’ eleganza del surrealismo» negli spazi dell’ hotel La Residenza di Capri. Più di cento le opere in mostra del maestro del surrealismo attraverso un percorso espositivo che ne sottolinea la poliedricità.

L’ exibition organizzata dalla Dalì Universe con la collaborazione dell’ Istituto di cultura meridionale ed il patrocinio dei Comuni di Capri ed Anacapri, è curato da Beniamino Levi sotto la direzione artistica di Roberto Pantè.

Si snoda attorno alle «ossessioni scolpite» da Dalì come «La persistenza della memoria» e «Il profilo del tempo», i suoi famosi orologi molli, che sono testimonianza della concezione daliniana del tempo. Altro tema ricorrente, la sensualità, è rappresentata a Capri dalla figura femminile che prende forma in opere come «Alice nel Paese delle Meraviglie» e Donna in Fiamme» Sull’ isola i visitatori hanno modo di apprezzare Dalì non solo come scultore ma anche in una veste poco conosciuta di illustratore. Pochi sanno che il genio catalano si dedicò anche alla rilettura in chiave surrealista di moltissimi testi letterari, sia contemporanei che classici.

Una vasta selezione di opere, che include sculture in bronzo, oggetti in vetro, oro, gioielli, collage e collezioni di grafiche, vengono esposte con l’ intenzione di rivelare le fonti d’ ispirazione, di far comprendere la sua vita e l’ opera, comprese le sue opere di design come il famoso Divano Mae West.

Oltre alla mostra, alcune opere sono state collocate in alcuni siti all’ aperto nei principali punti dell’ isola, come per esempio, il Porto Turistico a Marina Grande e piazza La Torre ad Anacapri.