Una notte a Capri: teatro e solidarietà in un percorso dei sensi

0
55

Fonte: ilmattino.it 

di Mariano Della Corte

Una serata magica quella di sabato 1 Giugno presso la terrazza dell’Hotel Sina Flora di Capri in cui gli ospiti dell’evento, organizzato da Let’s Go Capri con De Ponte cultural, sono stati catturati in un percorso multisensoriale, alla scoperta delle eccellenze del territorio campano. Un piccolo viaggio tra teatro, arte e sapori che è iniziato con le tele impressioniste di Ciro D’Alessio, le sculture dell’artigiano napoletano Ferrigno, i sandali hand-made dell’artista caprese Patrizia Costante e le essenze profumate di beauty concept. Climax della serata il live theater show di Ernesto Lama con un riadattamento del suo spettacolo “Guappi”, accompagnato dalla chitarra di Aniello Palomba, per la regia di Francesco Rivieccio. Una storia di coltelli e di tradimenti dove si è parlato, rivisitando classici del repertorio napoletano, di femminicidio e violenza, temi di drammatica attualità.

Subito dopo il focus si è spostato sul sociale e sull’importanza del donare per dare nuove prospettive ai giovani. E’ intervento il Presidente dell’ASD Anacapri Calcio Adalberto Cuomo che ha parlato della sua battaglia per il sociale nell’aiutare i giovani a fare gruppo nel calcio, privilegiando lo stare insieme all’interazione con schermi e smartphone: “la beneficenza è guardarsi negli occhi, donare un sorriso, un abbraccio, tutti possiamo trovarci in difficoltà” ha dichiarato Cuomo. Ad intervenire di seguito il cardiochirurgo Andrea Petraio che ha parlato del suo lavoro per i bambini trapiantati dell’Ospedale Monaldi di Napoli: “abbiamo cercato di umanizzare le cure, regalare ai nostri ragazzi un reparto ed Adalberto ci è stato vicino con tanti amici, con un piccolo gesto ognuno di noi può fare qualcosa per la vita di questi ragazzi e quindi insieme possiamo regalare loro dei sogni e donare nuove speranze”.

A portare la testimonianza di impegno per la salute dei ragazzi, che vivono questo difficile calvario, sono intervenute Dafne Palmieri e Mena di Maso, che hanno parlato del loro impegno sull’informazione per la donazione degli organi attraverso l’associazione “donare è vita”, nata con l’intento di assistere genitori e bambini trapiantati o in attesa di trapianto. Il percorso multisensoriale è proseguito subito dopo con intermezzi comici degli attori Germano Ciaravola e Francesco Rivieccio ed altri corner alla scoperta del mentalismo, tra illusionismo e magia, con il mentalista Raimondo Laino.

Infine un angolo gastronomico tra sapori e tessuti, alla scoperta del brand di sartoria napoletana “Asole Aperte”, con alcune chicche di “Rama eventi” e degustazione di prodotti tipici, dalla mozzarella di bufala Mozz’art ai ricercati vini dell’azienda Solaria, nati sui declivi di Anacapri, ai piedi del Monte Solaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA