Da Capri a Portofino equipaggi da leggenda

0
364
Rolex Capri Sailing Week 2019 - ph credit: Studio Borlenghi

Fonte: Il Messaggero

di Francesca Lodigiani

Capri e Portofino. Le capitali della vela in questi giorni sono loro. Lo sono di una vela profondamente diversa. I protagonisti nell’ isola partenopea sono gli scafi d’ altura, dai Maxi, ai Mylius agli Swan, che a Capri vivono l’ annuale Rolex Capri Sailing Week con un totale di 86 scafi suddivisi tra le varie competizioni, compreso il Campionato Nazionale del Tirreno ORC. Anche a Portofino, per curiosa coincidenza, le barche in gara sono 86, ma si tratta di Dinghy 12′, derive singole che da oggi disputano la loro regata più amata, il Trofeo SIAD Bombola d’ Oro, alias Bombolino, creatura del Presidente Roberto Sestini arrivato alla sua 23° edizione. La Capri Sailing Week, che si conclude domani, ha debuttato a mezzanotte di venerdì con la scenografica partenza della Tre Golfi da Santa Lucia a Napoli, dove ha sede l’ antico Circolo del Remo e della Vela Italia. Una regata che quest’ anno, come il suo presidente Roberto Mottola di Amico, olimpionico e campione del mondo di Tempest a prua di Picchio Milone; un equipaggio da leggenda. Questa edizione della Tre Golfi, che deve il nome ai Golfi di Napoli, Gaeta e Salerno toccati dal percorso di 150 miglia, quest’ anno non è stata facile tra bonacce, salti di vento e pioggia. Condizioni estenuanti che una volta tanto hanno dato la scena ai piccoli. Tra i primi tre ci sono infatti due Este 31, Globulo Rosso, il vincitore, di Alessandro Burzi, con le sue le fauci minacciose da squalo disegnate sulla prua, e Loucura Zentrum di Federico Roncone, terzo classificato dietro all’ X332 Sexy di Angela Groger. Da segnalare tra i concorrenti della settimana di Capri lo Swan 60 Spirit of Europe con equipaggio d’ eccezione tutto in rosa, del quale fa parte la olimpionica romana Giulia Conti e le prodiere della sua vita olimpica: Giovanna Micol, con la quale in 470 ha corso a Pechino e a Londra, e Francesca Clapcich, con cui è stata in 49erFX a Rio.

Nel gruppo, il cui team manager è Cristiana Monina, anche Sally Barkow, americana con una olimpiade e due Volvo Ocean Race alle spalle, e la giovane Claudia Rossi, due titoli europei al timone di J70, oggi prodiere in 49erFX e pure Velista dell’ Anno 2017. Per quel che riguarda il Bombolino, nella lunga lista degli iscritti, compaiono tanti vincitori di titoli italiani. Oltre al leggendario Paolino Viacava, Vittorio Macchiarella, Enrico Negri, Vittorio d’ Albertas, Paco Rebaudi, Federico Pilo Pais. In palio la Bombola d’ Argento per il migliore nei Dinghy Classici, quelli in legno, alla quale aspirano sicuramente Italo Bertacca, Fabio Mangione, Alberto Patrone e Toni Anghileri. Quanto agli appuntamenti in zona si va dalla Giannutri per noi, regata d’ altura da Riva di Traiano, organizzata dal Circolo Granlasco, alla zonale 420 sul lago di Bolsena a quella Contender ad Anzio, dei circoli Nettuno Yacht Club e Anzio Tirrena. Risultati: lo scorso week end si è concluso con successo il Campionato Italiano Half Tonner al Circolo Tecnomar e Pili Pili di Giorgio Martini è il Campione 2019, mentre le regate del Bicchiere e del Fiasco del Tiberino nei Dinghy le hanno vinte Antonio Loretano e Mauro Calzecchi.