La Dolce Vite di Anacapri, itinerari fra calci e gourmet.

0
581

(da Il Mattino del 12.5.11) Teodorico Boniello – Parte al Capri Palace Hotel&Spa di Anacapri la seconda stagione di appuntamenti enogastronomici de La Dolce Vite, la cantina dell’esclusivo albergo che nel 2010 ha avviato un ciclo di incontri imperdibili dedicati ai grandi nomi dell’enologia nazionale. Un format esclusivo, con degustazioni in cantina e a tavola, incontri e confronti tra vignaioli, grandi chef e artigiani del gusto, che inizia negli ambienti suggestivi de La Dolce Vite e prosegue a L’Olivo, il ristorante una stella Michelin del Capri Palace, con una cena ideata a quattro mani dallo chef resident, Andrea Migliaccio e da un astro della gastronomia sempre diverso e proveniente dal medesimo territorio dei vini in degustazione. Ad inaugurare la stagione 2011, Venerdì 13 Maggio, il professor Piero Mastroberardino, dell’omonima azienda, erede della più antica tradizione vinicola campana, che guiderà gli ospiti in un viaggio attraverso gli oltre 130 anni di storia della sua famiglia col vino. L’evento avrà inizio come consuetudine alle 19.30 con un happening di benvenuto a La Dolce Vite, con la degustazione del Greco di Tufo Novaserra 2010 e dell’Aglianico RediMore 2009. La terrazza de L’Olivo, inserito tra le Krug Ambassade, il club riservato a ristoranti selezionati per la loro eccellenza nel mondo dello Champagne e per il loro stile, sarà il palcoscenico per la cena gourmet realizzata da Andrea Migliaccio e Francesco Spagnuolo, chef del Ristorante Morabianca del Radici Resort di Mastroberadino nella sede aziendale di Mirabella Eclano (AV). Durante la cena saranno serviti il Fiano di Avellino More Maiorum 2008, il Taurasi Radici 2006, il Taurasi Naturalis Historia 2005, il Taurasi Riserva Centotrenta 1999 ed il Passito di Aglianico Anthéres 2009.