Giuseppe Salvia, i figli propongono di intitolare alla sua memoria il Carcere di Poggioreale

0
1005

(fonte :ANSA) – CAPRI (NAPOLI), 14 APR – "Intitolare il carcere di Poggioreale alla memoria dell'uomo che ha onorato con la sua onesta ed il suo coraggio quel luogo di riabilitazione". E' la proposta che avanzano Antonino e Claudio Salvia, i figli di Giuseppe Salvia, il vicedirettore del carcere napoletano di Poggioreale ucciso il 14 aprile 1981 dalla camorra. Oggi ricorre il trentesimo anniversario del brutale omicidio di Salvia, originario di Capri, che pagò con la vita l'affronto fatto all'allora capo della nuova camorra organizzata Raffaele Cutolo. (ANSA).

(ANSA) – CAPRI (NAPOLI), 14 APR – Ricorre oggi l'anniversario di uno dei più spietati omicidi di camorra: i trent'anni dalla morte di Giuseppe Salvia, caprese, vicedirettore del carcere di Poggioreale a Napoli, che venne ucciso sulla tangenziale di Napoli il 14 aprile 1981. Il Comune di Capri ha ricordato un anno fa il suo concittadino, intitolandogli una delle scuole materne ed elementari dell'isola. Ligio al dovere, a tutti gli effetti considerato un eroe di Stato: in carcere – sottolineano i figli – chiedeva il rispetto delle regole "ed era ben voluto da tutti tranne che da Raffaele Cutolo, spietato boss della camorra", con il quale si scontrò varie volte. Salvia era nato a Capri nel 1943 nella casa paterna di 'Palazzo Canale' ed effettuò gli studi classici a Napoli. Conseguì, poi, la laurea in giurisprudenza all'Università di Napoli Federico II. Nel 1973, dopo aver vinto un concorso, assunse l'incarico di vicedirettore del carcere di Poggioreale, istituto di massima sicurezza. Il 14 aprile 1981, quando aveva appena 38 anni, venne ucciso in un agguato ad opera della criminalità organizzata sulla tangenziale di Napoli: a decretare la sua morte fu il boss della Nco Raffaele Cutolo che, ritenuto il mandante di quel delitto, fu condannato all'ergastolo. Oggi lo ricordano la moglie Giuseppina e i figli Antonino e Claudio. Il Comune di Capri commemorò l'anno scorso Giuseppe Salvia dedicandogli la scuola elementare e materna di Tiberio: a deciderlo fu con un voto bipartisan il consiglio comunale di Capri che, all'unanimità, approvò la delibera con la quale si stabilisce che il plesso scolastico venga intitolato alla memoria di Salvia "affinché – era scritto nella motivazione – il sacrificio della sua vita, immolata per la difesa dei valori umani, sia di esempio per le nuove generazioni". (ANSA)