Contratto rinnovato al comandante vigili dopo la bufera badge

0
365
Sede del Comando Polizia Municipale di Capri. Capri 2010 Capripress
Sede del Comando Polizia Municipale di Capri. Capri 2010 Capripress

Anna Maria Boniello –

Capri. Torna il sereno nel comando di polizia municipale. Il sindaco Gianni De Martino ha rinnovato la nomina per un anno al tenente Angelo Mazzarella che dal 2014 è alla guida del corpo, composto da altri due sottoufficiali e un’ altra decina di vigili più quelli «stagionali» assunti solo per il periodo estivo. La bufera che colpì in piena estate gli uffici del comando – che ha fra i suoi compiti precipui i controlli anti-abusivismo – ebbe come conseguenza il licenziamento di uno dei due sottufficiali e l’ imposizione di provvedimenti disciplinari nei confronti di altri quattro, tra i quali l’ attuale comandante. La commissione comunale di disciplina aveva riscontrato una serie di irregolarità e tra queste la mancata timbratura del badge marcatempo. I vigili che vennero ascoltati dalla commissione disciplina presentarono le loro memorie difensive, affermando che la mancata timbratura nell’ arco di un’ intera giornata era stata dovuta a un intervento sulla via provinciale, teatro di un incidente mortale. I cinque vigili in questione dopo aver appreso dei provvedimenti disciplinari affidarono la loro difesa ai legali di fiducia e il procedimento in tribunale presso il giudice del lavoro è ancora in corso.
Vittima dell’ incidente mortale era stato un caprese, operaio della Sippic, che transitava lungo la provinciale a bordo un motorino. Tra soccorsi, verifiche, verbali e varie uscite dagli uffici dovute alle ispezioni dei luoghi, i badge conta-ore vennero timbrati solo alla fine della giornata. La sanzione colpì comunque i componenti del corpo di polizia locale in misura diversa, in base alle gravità riscontrate. Per un ufficiale addirittura si arrivò al licenziamento mentre per altri ci fu la sospensione di alcuni giorni dal servizio.
Tra questi anche il comandante Angelo Mazzarella, che avrebbe dovuto essere sospeso dal servizio dal 1 gennaio al 28 febbraio.
Per effetto del nuovo incarico, questa sanzione non verrà scontata in questo periodo ma slitterà, probabilmente, alla fine dell’ anno in corso.