Capri-Anacapri: nuovi parapetti sulla strada dei tornanti

0
914
Anna Maria Boniello – Anacapri. Al via i lavori sulla provinciale Capri-Anacapri per la messa in opera delle nuove barriere di sicurezza. Saranno sostituiti quei parapetti e ringhiere ormai fatiscenti e inidonee che erano state installate negli anni 60′.
Ed è per questo che la Città Metropolitana guidata dal sindaco De Magistris attraverso un progetto redatto dalla Direzione Viabilità sostituirà la struttura collocando un nuovo sistema di barriere a protezione della provinciale. Il consigliere delegato alle Strade Raffaele Cacciapuoti all’ inizio dei lavori ha dichiarato: che «è stata risolta un’ annosa questione che creava pericolo ad automobilisti e pedoni, contemperando esigenze di sicurezza e di tutela ambientale e paesaggistica».
Le nuove barriere sono costituite da un parapetto in cemento armato rivestito in pietra e mattoncini rossi sormontato da una ringhiera per un’ altezza di un metro e 30 cm e sostituiranno quelle attuali che costituiscono un notevole pericolo: sicuramente potranno impedire un eventuale fuoriuscita dalla carreggiata anche dei mezzi pesanti.
La strada provinciale che collega i due Comuni, inizia ai Due Golfi a Capri e attraverso un lungo percorso tortuoso si snoda fino di Anacapri. In qualche punto può raggiungere i 400 metri di altezza dal livello del mare con pericolosi strapiombi di circa 300 metri. Attualmente la pericolosità dell’ arteria è data da un parapetto di soli 40 cm sormontato da un esile ringhiera in ferro di circa 50 cm danneggiata in più punti dall’ urto dei veicoli. In un altro tratto della provinciale si trova solo una ringhiera di 1,5 m di altezza che infissa su piantoni rivestiti in cotto e muratura.
L’ intervento previsto dalla Città Metropolitana è di circa 750mila euro.