Capri, prove d’ estate nel segno del lusso. Per i «paperoni» delle vacanze suite da 10mila euro a notte con piscina e giardino pensile.

Anna Maria Boniello. Capri. Prime prove d’ estate: tra Pasqua e il maxi ponte del 1° maggio l’ isola azzurra fa il rodaggio con l’ apertura di tutte le sue attività turistiche, e anche quest’ anno punta al superlusso con nuove offerte per i «paperoni» che non badano a spese. Ha riaperto il Capri Palace, l’ albergo cinque stelle lusso di Anacapri con il taglio virtuale del nastro da parte del patron Tonino Cacace e del managing firector Ermanno Zanini con l’ intero team del gruppo che comprende i ristoranti stellati L’ Olivo ed il Riccio, la lussuosa spa diretta da Francesco Canonaco, e il primo mega showroom di lusso, Mariorita, nato 50 anni fa dall’ estro creativo di Mario e Rita Cacace, un’ idea portata avanti e ampliata dal figlio Tonino con la linea Capri Touch. Sandali fatti a mano, camicie e chemisier in puro lino ed abiti sportivi e eleganti, accessori come borse e cappelli che ormai hanno valicato i confini isolani per arrivare negli store a Dacta e Bodrum in Turchia, a Parigi, a Miami e a Dubai. L’ albergo è la meta preferita di vacanzieri di ogni nazione, in prima fila gli americani, seguiti da inglesi, francesi, russi ed italiani. Una tipologia di turisti particolare che si può permettere il lusso di trascorrere la sua vacanza in suite con piscine private come l’ Acropolis, situati sul roof garden in stile impero romano di 70 metri quadrati con piscina privata di 17, mentre la più esclusiva e più cara, oltre 10mila euro a notte, è quella dedicata all’ attrice americana Gwyneth Paltrow, le cui immagini adornano le grandissime stanze immerse in un giardino pensile privato di 300 metri quadrati con piscina e vista mozzafiato su Ischia. Non solo gli alberghi e le piccole boutique artigianali hanno inaugurato la stagione di Anacapri. Anche il museo Casa Rossa ieri ha aperto i suoi cancelli per ospitare chi vuole conoscere l’ altra faccia del’ isola, tra collezioni private della pittura 700-800 e statue romane ripescate dai fondali della Grotta Azzurra che fu il ninfeo di Tiberio. Ma il lusso non si ferma solo in hotel: a Capri riaprono tutte le boutique, e la più antica dell’ isola, La Parisienne, 104 anni in piazzetta, ha annunciato che quest’ anno nascerà un’ altra etichetta, Capri Couture che ripropone lo stile che tanto piacque a Jackie Onassis quando la proprietaria Adriana di Fiore creò per lei i Capri Pants. E anche quest’ anno continua, nonostante il made in Capri, la scalata delle grandi griffe internazionali, quest’ estate è la volta di Chanel, la maison di Cocò, che aprirà i suoi spazi di fronte all’ albergo più storico dell’ isola, il Grand Hotel Quisisana. Due piani di lusso che affacciano su un piccolo terrazzino sulla strada per la gioia degli ospiti dell’ albergo di lusso della catena della famiglia Morgano che siedono ai tavolini della terrazza bar e che quest’ anno sono stati accolti da un’ altra novità che ha trasformato con un look total white il Rendez Vous il ristorante che affaccia su via Camerelle che è aperto non solo agli ospiti dell’ albergo ma anche ad una selezionatissima clientela straniera, estimatori della sua cucina, fra cui tycoon americani, sceicchi arabi e oligarchi della nuova Russia. Ai desk delle prenotazioni degli alberghi capresi già si registra il 70 percento dell’ occupazione dei posti letto, percentuale destinata a crescere con i clienti italiani che aspettano come ormai da tradizione le previsioni meteo dell’ ultim’ ora. E in una via Camerelle già affollata si sono ormai illuminate anche tutte le vetrine, a partire da quella più antica di Russo Uomo seguita da Armani, Valentino, Gucci, Dior, i gettonatissimi Capri Watch e Capri Watch Jewels, Vilbrequin, Bulgari, la storica profumeria Carthusia, e chiude la prima parte della strada la boutique dei due più appassionati amanti dell’ isola, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, tutta dedicata al folklore della Campania e della costiera con i suoi Capri e che quest’ anno si è arricchita ancora di un nuovo spazio, uno show room en plein air sulla terrazza liberty sovrastante la boutique che sarà il buen retiro di Stefano e Domenico per ospitare sotto un pergolato caprese i loro clienti top e gli amici più cari affacciati sulla via più chic dell’ isola.