Box abusivi con vista sui Faraglioni, sigilli in una villa

Anna Maria Boniello – Ancora sequestri per abusi edilizi a Capri: li ha disposti il gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della V Sezione Urbanistica ed Ambiente della Procura della Repubblica di Napoli guidata dall’ aggiunto Nunzio Fragliasso. A far scattare i sigilli, in una villa che era già stata oggetto di controllo da parte dei carabinieri della stazione di Capri alcune settimane fa, è stata l’ acquisizione di riscontri su materiale acquisito, e in particolare le difformità dello stato dei luoghi rispetto alle planimetrie. Ieri il comandante della compagnia di Sorrento Marco La Rovere unitamente a una pattuglia di carabinieri ha eseguito il sequestro preventivo delle opere realizzate all’ interno della villa con ingresso in via Krupp, la mitica strada fatta costruita dal «re» tedesco dei cannoni, nella parte finale, quella che immette sulla Provinciale di Marina Piccola e che a differenza del tratto iniziale non è interdetta al pubblico.
Una villa storica, che era stata la dimora caprese di Gracie Fields, la famosa cantante britannica amica dei reali inglesi che cantava per loro a corte e che decise di vivere a Capri dove poi costruì la Canzone del Mare, ancora oggi lo stabilimento balneare più famoso dell’ isola.
RISCHIO FRANE La villa è attualmente di proprietà della società olandese First Trading Finance, con sede ad Amsterdam. Una dimora immersa nel verde, con vista mozzafiato sulla baia di Marina Piccola e i Faraglioni, nella quale trascorre le vacanze estive Fiona Winter Swarovski, una delle vacanziere più conosciute e amate dell’ isola. Il sequestro di ieri ha riguardato manufatti e ampliamenti realizzati in muratura, tra cui due box da utilizzare come deposito di attrezzature da giardinaggio, unitamente a un ambiente esterno di circa 20 metri quadri che era stato adibito a palestra. Il tutto per una volumetria totale di circa 60 metri quadrati. Opere tutte all’ interno del parco, esterne all’ abitazione. I lavori edili, secondo le indagini, erano stati effettuati in assenza di permesso a costruire, in zona sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico, in un’ area dichiarata di notevole interesse pubblico. Procura e militari hanno anche accertato che le opere sono state costruite in zona sismica, senza la presentazione degli atti progettuali all’ Ufficio del Genio Civile. Un attestato importante e necessario trovandosi a via Krupp in una zona ad altissimo rischio frane: a settembre nell’ area del Castiglione che sovrasta via Krupp si formò un’ imponente frana che precipitò a valle mettendo a rischio le abitazioni sottostanti.
PRECEDENTI Dopo aver apposto i sigilli , i carabinieri hanno provveduto a denunciare la società proprietaria dell’ immobile e il committente dei lavori per abusivismo edilizio e per essersi resi responsabili della realizzazione di opere edilizie in zona vincolata. Il sequestro scattato ieri dai carabinieri della stazione di Capri su ordine del Gip del Tribunale di Napoli e su richiesta della Procura va ad allungare l’ elenco delle operazioni iniziate nel 2016 in sinergia con la Soprintendenza e che hanno portato ad apporre i sigilli in 8 immobili di importante rilevanza e tutti in zona di pregio ambientale, al Pizzolungo, ai Faraglioni, alla Cercola, in via San Francesco sul versante di Marina Grande e ieri Marina Piccola. Zone sottoposte a vincolo e tutela così come è sottoposta a vincolo quasi per intero l’ isola di Capri.